X Factor, caso Jarvis: il Codacons chiede un’indagine

Musica
schermata-10-2457684-alle-14-17-21

Dopo la rinuncia della band a partecipare ai live di XFactor, si mette in moto l’Associaizone Consumatori che chiede di fare chiarezza sui talent

schermata-10-2457684-alle-14-30-35

I Jarvis

«Un’indagine della Procura e dell’Autorità Garante per le Telecomunicazioni per violazione dei termini della gara poiché il ‘sistema dei talent’ ha bisogno di qualcuno che ne controlli la correttezza soprattutto dell’iter seguito dai concorrenti». È questa la richiesta dell’associazione dei consumatori, in seguito alla rinuncia a partecipare ai live di XFactor da parte della band dei Jarvis. Alla base della loro decisione ci sarebbero, secondo la versione divulgata dalla stessa trasmissione, imprecisati motivi personali, mentre lo stesso gruppo ci ha tenuto ad affermare che si tratta di altro e che renderà note le cause della rinuncia a tempo debito. Per ora sono trapelate con insistenza le voci di un ritiro dovuto al rifiuto di firmare un contratto con la Sony (che si dice fosse particolarmente interessata alla band) per 5 album, giudicato troppo vincolante. Qualcuno avanza l’ipotesi che in tal senso il programma abbia indebitamente “cambiato le regole in corsa”.

La Sony smentisce con forza tutte le accuse, sottolineando come da sempre i concorrenti che approdano alla fase finale firmino un contratto a “tutela della professionalità dello show e dei ragazzi che vi partecipano” (dichiarazione rilasciate dal presidente della Sony Music Italia, Andrea Rosi).

«Se i fatti sono veri, al pubblico è stata data una rappresentazione falsata della gara con diritto degli abbonati ad essere risarciti», ha dichiarato invece l’associazione consumatori, che vuole vederci chiaro, soprattutto capire quanto la realtà messa in scena in televisione corrisponda a quello che poi accade dietro le quinte, per fugare ogni sospetto di macchinazioni tenute nascoste ai telespettatori. C’è anche da dire che le condizioni contrattuali a cui sono sottoposti i concorrenti sono note da sempre agli addetti ai lavori e considerate molto vincolanti per gli artisti, che a volte trovano più conveniente non legarsi in maniera duratura ad una major discografica.

La sensazione è che manchi ancora qualche tassello per ricostruire fedelmente i retroscena di questa vicenda, ma per avere un quadro completo della situazione bisognerà attendere la versione dei Jarvis.

Vedi anche

Altri articoli