#webete, Mentana bolla gli intolleranti della rete

Internet
Il giornalista Enrico Mentana posa per una foto a margine dell'incontro con la stampa per il primo anno di conduzione del Tg di La7, stamani 30 agosto 2011 a Roma.
ANSA/ETTORE FERRARI

Un esercito di persone che insulta il prossimo sui social

Dobbiamo ad Enrico Mentana l’invenzione di una nuova parola – webete – che designa efficacemente quella persona che sui social alimentano le polemiche spesso e volentieri declassando a fake chi non la pensa come lei.

webete

Diciamo la verità (che poi conoscono tutti): si tratta di un esercito di persone che passa le giornate diffondendo panzane e insultando il prossimo. Secondo una recente ricerca di cui ha dato notizia Time addirittura il 30% della rete sarebbe in mano ai cosiddetti trolls: per dire di quanto in effetti il problema esista.

Bisogna essere grati al direttore del TgLa7 (il quale – ricordiamolo – “si ritirò” prestissimo da Twitter proprio per l’intolleranza di cui era fatto oggetto) per aver coniato un termine così efficace, crasi di “web” e “ebete”.

 

Vedi anche

Altri articoli