#Virginiascappa e continua a farlo: ma fino a quando?

M5S
La candidata a sindaco di Roma, Virginia Raggi, ospite del programma Rai "Porta a Porta", condotto da Bruno Vespa, Roma, 04 maggio 2016.
ANSA/GIORGIO ONORATI

Dopo aver disertato l’incontro organizzato dall’Ance, la candidata ora rifiuta il confronto su Matrix

Virginia Raggi a Matrix ci sarà, ma non si tratterà di un confronto. La candidata sindaco a Roma sarà in studio e verrà intervistata dal conduttore Luca Telese, ma per favore niente confronti, ha chiesto lei.

Quindi, se nelle piazze continua a comparire – fra i suoi fan – e in tv concede spesso interviste ma solo ai conduttori dei talk, l’avvocatessa però ai confronti con i suoi avversari preferisce sottrarsi.

Si è visto giovedì scorso, quando ha disertato il dibattito organizzato dall’Ance e moderato dal direttore de Il Foglio Claudio Cerasa sullo sviluppo di Roma: tutti presenti tranne lei per la quale è stata lasciata, simbolicamente, una sedia vuota. “È una costante, il suo modo di intendere la campagna elettorale”, aveva commentato Roberto Giachetti. “Mi dispiace – aveva detto invece Giorgia Meloni – che c’è qualcuno che non ci considera all’altezza del confronto”.

Non è dato sapere se quello del faccia a faccia con gli avversari sia una modalità che la candidata non apprezza o se queste sue assenze siano motivate da altre questioni personali o politiche. Opteremmo per la prima ipotesi. Come minimo, è un po’ freddina: “L’ho salutata con un ‘ciao’ e lei mi ha risposto con un ‘salve'”, ha raccontato Giachetti quando l’ha incrociata per la prima volta a Bersaglio mobile (La7): anche in quel caso niente dibattito fra i due.

Certo è che l’ultimo confronto con la grillina risale allo scorso 3 maggio, alla Città dell’Altra economia insieme a Giachetti e Fassina. In tv, quello del 4 maggio nel salotto di Porta a Porta. Anche lì, però, non si trattava di un confronto vero e proprio, ma in differita, perché ogni candidato è stato intervistato a turno, uno alla volta, sui programmi per la città.

Da allora, nonostante il suo entourage affermi che la grillina non si è mai sottratta ad alcun confronto, Raggi non si è più vista attorno a un tavolo per parlare dei programmi per Roma insieme agli altri candidati. Tanto che su Twitter è nato l’hashtag #Viriginascappa.

Una città come Roma, che sta attraversando uno dei periodi più neri, meriterebbe un confronto fra tutti i candidati. In tv, su Internet, in strada. Negli ultimi giorni sarà inevitabile qualche tavola rotonda tv. E allora Virginia non potrà più scappare.

Vedi anche

Altri articoli