Valentino rompe il silenzio: “Grazie a tutti, ora al lavoro per Valencia”

MotoGp
epa04994344 Italian MotoGP rider Valentino Rossi of Movistar Yamaha MotoGP (R) react on the podium after won the third place at the 2015 Malaysian Motorcycling Grand Prix in Sepang International Circuit near Kuala Lumpur, Malaysia, 25 October 2015.  EPA/FAZRY ISMAIL

Rossi su twitter dopo l’incidente con Marquez: “Supporto fantastico”. Poco prima di lui aveva parlato la fidanzata Linda Morselli. E intanto un giudice di gara ammette: “Nessun calcio a Sepang”

“Grazie a tutti per il fantastico supporto, leggervi mi ha aiutato a superare amarezza e incazzatura. Da oggi si lavora per Valencia”. Così su Twitter Valentino Rossi ‘rompe’ il silenzio delle ultime ore e ringrazia tutti i suoi tifosi che sul web lo stanno supportando dopo l’incidente con Marc Marquez al gran premio della Malesia.

Poco prima di lui era stata la fidanzata Linda Morselli ad incitare Rossi su instagram: “E poi tutto crolla, ma bisogna sapersi rialzare per ‘inseguire’ i propri sogni. Siamo in tantissimi a crederci ancora”.

morselli

 

Intanto non si placano le polemiche per quanto successo domenica sul circuito di Sepang. Dalla Spagna piovono accuse pesanti nei confronti dei supporter di Valentino Rossi, colpevoli, a quanto riferiscono alcuni media, di una “tentata irruzione” nel box Honda dopo il gran premio. Ovviamente si tratta di voci non confermate, su cui sarà difficile fare chiarezza.

Un contributo importante per cercare di capire cosa sia realmente successo in Malesia arriva invece da uno dei tre giudici della Direzione di gara che hanno inflitto la sanzione a Rossi che lo obbligherà a partire dall’ultima posizione nell’ultimo e decisivo gran premio di Valencia. “Marquez ha portato la situazione al limite – ha detto Javier Alonso – quello di Valentino non è stato un calcio e non c’è stato nessun insulto da parte del pilota italiano”.

Vedi anche

Altri articoli