Valentino furioso: “Mi hanno fatto il biscottone, Marquez imbarazzante”

MotoGp
epa05016808 Italian MotoGP rider Valentino Rossi (C) of the Movistar Yamaha team talks with mechanics before the Motorcycling Grand Prix of Valencia at the Ricardo Tomo circuit in Valencia, Spain, 08 November 2015.  EPA/KAI FOERSTERLING

Dopo il gran premio di Valencia, il Dottore non le manda a dire: “Da un certo punto della stagione ho dovuto lottare contro due piloti, non solo contro uno”

“E’ un’occasione sfumata, non mi meritavo quello che è successo. Da noi si chiama biscottone”. E’ un Valentino Rossi esplosivo quello che si presenta ai microfoni di Sky Sport al termine della gran premio di Valencia che ha consegnato la vittoria del mondiale a Jorge Lorenzo. E non usa mezze misure: “Da un certo punto della stagione in poi il comportamento di Marquez è stato imbarazzante, ho dovuto correre contro due piloti, tra l’altro molto forti, e non solo contro uno”.

Poco prima era stato lo stesso Lorenzo ad ammettere che Marquez gli aveva fatto da guardaspalle nel corso dell’ultimo gran premio. Secondo Valentino, la gara che ha fatto da spartiacque è quella di Philipp Island in Australia: “Quello è il vero rimpianto, ero più veloce di Lorenzo e l’avrei battuto, chiudendo di fatto lì il mondiale”. Ma non è stato possibile. “Poi è arrivata la gara di Sepang e abbiamo visto tutti cos’è successo”.

Infine Valencia: “Sapevamo che ci avrebbero fatto il biscottone e così è stato. Spero che quello che ha fatto Marquez in questa stagione gli si possa ritorcere contro e sono sicuro che neppure lui sarà contento quando realizzerà cosa ha fatto”. Quanto a Lorenzo, “è andato molto forte, ha meno colpe rispetto a Marc. Ma dopo la gara di Sepang ha perso una grande occasione per stare zitto e per questo merita di essere trattato alla stregua di Marquez”. Infine una frecciata alla Honda: “Non capisco come possa permettere che un suo pilota avvantaggi volutamente un pilota della Yamaha per fargli vincere il mondiale”.

La replica arriva da Livio Suppo, team manager di Honda Repsol: “Marquez era arrabbiatissimo per non essere riuscito a vincere. Non è stupido, sapeva che se fosse arrivato dietro l’avrebbero accusato di aver voluto favorire Lorenzo. La verità è che lui lo voleva passare all’ultimo giro e il sorpasso di Pedrosa ha rallentato entrambi”. Per ora l’unica mezza ammissione rimane quella di Lorenzo, solo Marquez sa davvero cosa è successo in questo incredibile e (speriamo) irripetibile finale di stagione.

Vedi anche

Altri articoli