Usa 2016, nel ‘Super Saturday’ è Cruz l’anti-Trump

Americana
fotoUSA

Rubio a mani vuote. Sanders ne vince 2 su 3, a Hillary la Louisiana

Prosegue la lunga corsa alla candidatura della Casa Bianca. Ieri si è votato in altri quattro stati e sebbene Ted Cruz e Bernie Sanders abbiano ottenuto la vittoria in due stati chiave nella corsa verso le presidenziali americane, i rispettivi rivali, Donald Trump e Hillary Clinton, restano i favoriti indiscussi. Trump e Clinton hanno fatto quello che dovevano fare, vincere nello stato ricco di delegati della Louisiana, mantenendo così un vantaggio rispetto ai contendenti alle primarie dei due schieramenti.

Sul fronte repubblicano, tuttavia, Ted Cruz con le vittorie nei caucus in Kansas e Maine – dove si è registrata anche una affluenza record – si è di fatto guadagnato la palma di principale rivale del miliardario Trump in vista della sfida finale anche se, per ora, i numeri complessivi non si spostano e il “tycoon” resta in testa. “Grazie Louisiana e grazie Kentucky”, ha dichiarato Trump dalla Florida dopo aver avuto i risultati che mettono a dura prova il tentativo dell’establishment repubblicano di liberarsi dell’ingombrante Trump. Il miliardario ha risposto sostenendo che il piano per farlo fuori è fallito e, rivolgendosi a Rubio, ha dichiarato: “Marco Rubio ha avuto una notte molto molto brutta. Personalmente gli consiglierei di lasciare la corsa”.

Gli occhi sono ora puntati al 15 marzo, in una partita potenzialmente decisiva. Con i voti della Florida e dell’Ohio, Hilary e Trump potrebbero infatti portare a casa la nomination.

Vedi anche

Altri articoli