Un robot come autista

ControVerso
epa04821380 A handout photo made available by Google on 26 June 2015 shows the Google self-driving car on the streets of Mountain View, California, USA. According to Google, the top speed of the test vehicle is 25 miles per hour (40 KmH) and they are equipped with steering wheel, accelerator and brake pedal.  EPA/GOOGLE / HANDOUT  HANDOUT EDITORIAL USE ONLY/NO SALES

Negli Usa è già iniziata la discussione sulle tutele legali in caso di incidenti causate da auto guidate da robot

Vedete un po’ come si complicano le cose e come il diritto, le leggi, le normative si debbano muovere su terreni completamente inesplorati. Negli Usa è già iniziata la discussione su chi debba essere ritenuto responsabile di un incidente nel caso in cui esso veda coinvolta un’ auto senza guidatore. Il proprietario dell’auto, l’occasionale occupante o il software che gestisce l’auto? In altri termini, chi è il guidatore di quell’auto? L’Agenzia Federale che sovrintende e detta le regole ha fornito una prima risposta. Responsabile è il software, il robot che gestisce e guida l’auto. Scrive l’Agenzia che sembra ragionevole non domandarsi “chi” guida l’automobile, ma “cosa”.

Benvenuti quindi nel mondo dei robot. Dove si sperimenterà la correttezza della prima legge della robotica, così come la definì il genio di Azimov addirittura negli anni ‘40, secondo la quale” un robot non può recare danno ad un essere umano”. Dopo 80 anni da quella formulazione credo sia la prima volta che si cerca di attribuire la responsabilità giuridica ad una”cosa”, un robot, piuttosto che ad una persona. Certo, rimane il fatto che quella cosa è progettata e costruita da persone. Ma se già in un incidente fra persone è spesso difficile capire dove stanno torti e ragioni… Intanto un primo risultato è sul tavolo. Un’auto, dice l’Agenzia Federale, può essere guidata anche da una ”cosa”. Ammesso che si possa chiamare” cosa”. Per fortuna la discussione è partita nei pragmatici Usa. Immagino cosa succederà quando approderà dalle nostre parti. Può un robot ricorrere al Tar?

Vedi anche

Altri articoli