Un euro per un’amatriciana. Parte la gara di solidarietà per gli aiuti

Terremoto
amatriciana

Sono già attive diverse raccolta fondi per sostenere le popolazioni colpite dal sisma:dal Pd all’Anci fino a Croce Rossa e Protezione civile

Corre veloce non solo la paura ma anche la solidarietà. Oltre ai tanti volontari che sono già partiti per dare un contributo concreto alle operazioni di soccorso, nascono iniziative per la raccolta fondi per sostenere le popolazioni colpite dal sisma.

Oltre le iniziative ufficiali, su Facebook è stata lanciata un’iniziativa particolare di raccolta fondi  e un appello ai ristoratori. Tra tre giorni proprio ad Amatrice infatti era prevista l’annuale festa dedicata all’amatriciana, il piatto tipico che quest’anno festeggiava proprio i 50 anni dell’iniziativa.

Per questo Paolo Campana, grafico e food blogger legato a quei posti ha lanciato un appello: “Bisogna muoversi veloci. Ci provo. Nei prossimi giorni ci doveva essere una festa e invece… lancio una proposta a tutti gli amici ristoratori.Nei prossimi giorni devolviamo tutti un euro per ogni piatto di amatriciana ordinato e consumato?!”. {Proposta} Bisogna muoversi veloci. Ci provo.
Nei prossimi giorni ci doveva essere una festa e invece… lanciò una PROPOSTA a tutti gli amici ristoratori.

Nei prossimi giorni DEVOLVIAMO TUTTI UN EURO per ogni piatto di AMATRICIANA ordinato e consumato?!

 

Tra le raccolte fondi anche quella del Pd: il Partito Democratico in questo momento di dolore esprime “il suo profondo cordoglio alle popolazioni vittime del terremoto di questa notte”. In relazione a quanto avvenuto i vice segretari Debora Serracchiani e Lorenzo Guerini, dopo aver sentito i rappresentanti delle istituzioni locali interessate dal sisma e i segretari regionali del Pd, hanno deciso, in accordo con il segretario Matteo Renzi e il presidente Matteo Orfini, di avviare una raccolta fondi a sostegno delle popolazioni colpite. Sarà possibile attivare donazioni tramite il seguente Iban IT 96 H 01030 0320000000 6365314 Bic: PASCITMMROM Causale PARTITO DEMOCRATICO RACCOLTA FONDI PER TERREMOTO – VIA S.ANDREA DELLE FRATTE 16. 00187 ROMA, oppure recandosi presso gli stand o i banchetti in allestimento presso le Feste dell’Unità su tutto il territorio nazionale dove sottoscrivere il versamento al suddetto Iban. Inoltre, i gruppi parlamentari Pd di Camera, Senato e dell’Europarlamento, hanno avviato una raccolta fondi tra tutti i parlamentari dei democratici al fine di destinare ulteriori risorse a sostegno delle popolazioni colpite.

La gara di solidarietà non si ferma qui. Anche i Comuni italiani, coordinati dall’Anci, portano aiuto e soccorso alle popolazioni colpite dal terremoto nel Centro Italia. Sono già decine, rende noto l’Anci, le città pronte a partire con le loro strutture alla volta dei territori colpiti, per portare acqua, cibo, letti, coperte, cucine da campo e know-how per la fase di primo soccorso e per la successiva fase di ricostruzione. Tra queste, le prime municipalità che si sono attivate sono Torino, i Comuni della provincia di Mantova (che hanno gia’ unito le forze), Catania, Napoli, Firenze, Bologna, L’Aquila, oltre ai Comuni capoluogo di Lazio, Umbria e Marche. Tutti i Comuni che volessero unirsi alle iniziative gia’ in corso, possono fare riferimento alla linea dedicata attivata dall’Anci, scrivendo a protezionecivile@anci.it, oppure contattando i numeri 06.68009329 o 3463138116. Nei territori, e per iniziativa dei sindaci e degli amministratori, e’ partita anche la corsa alla raccolta di fondi per la ricostruzione e per questo motivo l’Anci ha aperto un conto corrente denominato Anci – Emergenza Terremoto Centro Italia per coordinare la raccolta delle risorse da destinare alle attivita’ di ricostruzione. Queste le coordinate IBAN: IT27A 06230 03202 000056748129

Vedi anche

Altri articoli