Un altro muro in Europa: ingressi “selezionati” in Macedonia

Immigrazione
epa05044216 A migrant father holds his child after after crossing the border near Gevgelija, The Former Yugoslav Republic of Macedonia, 27 November 2015. Several hundreds of mostly Iranians have been blocking the border line between Greece and Macedonia for the last four days. Macedonia, Serbia and Croatia had started restricting access to migrants on the Balkan route to Syrians, Iraqis and Afghans. It is a part of a joint effort to reduce the number of asylum seekers streaming into the European Union.  EPA/NAKE BATEV

Solo siriani, afghani e iracheni possono superare il confine greco per arrivare nei Paesi balcanici

Una barriera metallica lungo la frontiera meridionale con la Grecia, per impedire il transito dei migranti diretto verso l’Europa centrale. È quanto l’esercito macedone ha iniziato a costruire in queste ore. Una nuova risposta di chiusura all’emergenza immigrazione che non si ferma.

Davanti al valico greco di Idomeni, i militari hanno piantato lunghi pali metallici e hanno srotolato il filo spinato. Una scena già vista lungo i confini ungheresi con Serbia e Croazia. Finora i Paesi balcanici hanno lasciato transitare i profughi siriani, afghani e iracheni giunti via mare in Grecia dalla Turchia, ma alla frontiera greco-macedone vengono bloccati i migranti di altre nazionalità.

Vedi anche

Altri articoli