Ultrà, De Santis condannato a 26 anni per la morte di Ciro Espostito

Cronaca
A picture of Napoli fan Ciro Esposito is being affixed at a fence in the Scampia district, in Naples,  Italy, 25 June 2014. Naples is waiting for the arrival of remains of Ciro Esposito, a Napoli fan who was shot before the Italian Cup final in Rome last month, died on 25 June, six days after a lung operation, sources at the capital's Gemelli hospital said. Esposito was in intensive care after being shot, allegedly by a 48-year-old AS Roma soccer fan Daniele De Santis, on 03 May.
ANSA/CESARE ABBATE

Al momento della sentenza alcune persone presenti hanno iniziato a gridare: “Devi marcire per quello che hai fatto”

È stato condannato a 26 anni Daniele De Santis, l’ultrà romanista accusato della morte di Ciro Esposito avvenuta nel 2014 a Roma. La condanna è arrivata dalla Terza Corte d’assise di Roma per la morte del giovane tifoso del Napoli ferito gravemente il 3 maggio di due anni fa, poco prima della finale di Coppa Italia tra Fiorentina e Napoli e morì dopo un’agonia durata 53 giorni.

Al momento della sentenza nell’aula del tribunale alcune persone presenti hanno iniziato a gridare: “Devi marcire per quello che hai fatto”, mentre la madre di Ciro, Antonella Leardi, ha commentato: “La pena inflitta è congrua e giusta, per De Santis non provo odio perché l’ho perdonato”.

Vedi anche

Altri articoli