L’ultimo saluto a Casaleggio. Commozione e fischi ai rappresentanti del Pd

M5S
I deputati del Movimento 5 Stelle Di Maio e Di Battista all'uscita della chiesa di Santa Maria delle Grazie a Milano per il funerale di Gianroberto Casaleggio, 14 aprile 2016. 
ANSA/DANIEL DAL ZENNARO

In chiesa ha parlato il figlio, Davide: “Orgoglioso di mio padre”

“Onestà, onestà”. Così la folla che si è radunata nella piazza antistante Santa Maria delle Grazie ha salutato il feretro di Gianroberto Casaleggio mentre usciva dalla chiesa. “Non mollate mai” e lunghi applausi anche per Beppe Grillo quando si è allontanato dalla piazza. Tra la folla, visibilmente commosso, Alessandro Di Battista, il figlio di Casaleggio Davide, il vicepresidente della Camera Luigi Di Maio. E nella piazza gremita è spuntata anche la bandiera del Movimento e uno striscione con la scritta “Realizzeremo noi il tuo sogno”.  Nella chiesa, gremita di persone, molti sono rimasti in piedi. La sicurezza del Movimento Cinquestelle, organizzata per l’occasione, non ha fatto accedere altre persone oltre ai familiari all’area riservata che si trova accanto all’altare.

Nella funzione officiata da padre Marco Salvioli e interdetta a giornalisti e telecamere, non sono intervenuti, come invece era previsto, nè Dario Fo né Beppe Grillo. Ha parlato, invece, il figlio Davide: “Era un audace. Aveva l’audacia di vedere il futuro prima degli altri e di crederci”. Ha aggiunto: “Era soprattutto un gran lavoratore, nessun giorno era veramente un giorno di vacanza. Fino a quando ha potuto camminare ha voluto andare in ufficio tutti i giorni, non si stancava mai. Per me  era un padre fantastico e ne sono orgoglioso”.

Presenti, naturalmente, i membri del direttorio dei 5 Stelle, Alessandro Di Battista, Luigi Di Maio, Roberto Fico, Carla Ruocco, Carlo Sibilia, arrivati la mattina insieme a Grillo.

Anche il Pd ha partecipato ai funerali con il vice segretario Lorenzo Guerini, con il segretario metropolitano Pietro Bussolati e Emanuele Fiano, che all’ingresso nella chiesa sono stati fischiati.

C’erano anche gli ex deputati M5S, Walter Rizzetto e Tancredi Turco, che hanno lasciato il Movimento nel gennaio del 2015, insieme ad altri otto colleghi, delusi dalla linea politica e critici verso i vertici pentastellati e Umberto Bossi, fondatore della Lega Nord.

E’ arrivata invece dal blog di Grillo una stoccata ai detrattori del M5S e a chi ha criticato la figura di Casaleggio: “Gianroberto per il suo impegno contro un sistema marcio fino al midollo è stato diffamato, offeso e insultato pubblicamente, in tv, in radio, sui giornali. Sul livore contro di lui ci ha addirittura scritto un libro. Non lo hanno mai capito e per questo non lo sopportavano. Era di un altro livello. In pochi lo hanno ringraziato per il suo impegno e per il suo essersi donato, oggi è il momento di farlo”.

 

 

Vedi anche

Altri articoli