Ue, Renzi: “Di sola austerity si muore. Serve una svolta”

Europa
renzi ue

Il premier scrive a Repubblica e risponde a Scalfari sulla proposta di un superministro delle Finanze per l’eurozona

“L’austerity non basta, l’Europa sta peggio di otto anni fa”: il premier Matteo Renzi, scrive a Repubblica e risponde al suo fondatore Eugenio Scalfari in particolare sulla proposta di un superministro delle Finanze per l’eurozona: il problema non è la leadership ma la scelta della politica economica, e ora serve una svolta.

“Caro direttore – è il testo di Renzi pubblicato sul sito web di Repubblica – in questi 24 mesi di Governo sono stato oggetto più volte delle attenzioni di Eugenio Scalfari. Lo considero un onore, per la stima che nutro nei confronti del fondatore di Repubblica, voce tra le più autorevoli del giornalismo italiano. Il tema che egli pone in queste ultime ore mi impone di provare a rispondere, nel merito. E vado subito al sodo: ho grande rispetto per il dibattito che si è creato e sul quale anche l’Italia ha da dire e dice la sua, ma la questione del superministro europeo del Tesoro non è il punto centrale. Oggi il problema dell’economia dell’Unione non è il superministro, ma la direzione. Perché- questa è la tesi del nostro Governo – negli ultimi anni l’Europa ha sbagliato strada. E se vogliamo bene alle istituzioni europee, dobbiamo far sentire la nostra voce: lo facciamo per l’Europa, non per l’Italia”.

“Molto sinteticamente: negli otto anni di presidenza democratica – continua Renzi -, gli Stati Uniti hanno puntato su crescita, investimenti e innovazione. L’Europa su austerity, moneta, rigore. A livello economico gli Stati Uniti stanno meglio di otto anni fa, l’Europa sta peggio di otto anni fa. Sintesi da titolo di giornale o se preferisce da tweet: Obama ha fatto bene, Barroso no. L’austerity non basta. E del resto i Paesi che sono cresciuti in Europa lo hanno fatto soltanto perché hanno violato in modo macroscopico le regole del deficit: penso al Regno Unito di Cameron che ha finanziato il taglio delle tasse portando il deficit al 5% o alla Spagna di Rajoy che ha accompagnato la crescita con un deficit medio di quasi il 6%. Se una cura non funziona, dopo otto anni si puo’ parlare di accanimento terapeutico”.

“Non pongo un problema di regole, sia chiaro -prosegue ancora Renzi-. L’Italia rispetta le regole, con un deficit che quest’anno sarà il piu’ basso degli ultimi dieci anni (2,5%). La Germania invece non rispetta le regole con un surplus commerciale che continua a essere sopra le richieste della Commissione. E ciò nonostante l’Italia è ripartita grazie alla spinta dei consumi, al sentimento di fiducia dei cittadini, al Jobs Act, alle riforme che costano fatica, ma sono necessarie. Il problema non sono le regole, dunque; il problema è la politica economica di questa nostra Europa. Prima di parlare di superministri, dobbiamo forse chiarirci fra noi sulla linea di politica economica. Perchè di sola austerity si muore”.

Vedi anche

Altri articoli