“The Colour in Anything”, ecco il nuovo album di James Blake

Musica
Schermata 05-2457515 alle 18.32.45

Alle due di mattina l’artista inglese ha rilasciato il suo terzo album in studio, l’attesissimo seguito di Overgrown del 2013

Schermata 05-2457515 alle 18.06.53

L’artwork dell’illustratore Sir Quentin Blake per “The Colour is Anything” di James Blake

James Blake, nato nel borgo londinese di Enfileld quasi 28 anni fa, compare sulla copertina del suo secondo album Overgrown, immortalato mentre calpesta un tappeto di neve. Cappotto scuro, bavero alzato e il ciuffo che svetta sulla silhouette longilinea; una vaga somiglianza con l’attore Rupert Everett, particolarmente con la sua versione disegnata, quella che ha ispirato il fumetto di Dylan Dog. Il disco in questione è valso all’artista britannico un Mercury Prize e una nomination nella categoria “Best New Artist” dei Grammy.

Questa mattina molto presto (alle due, ore italiane) è arrivato il tanto agognato seguito di quell’opera: The Colour in Anything. L’inaspettato titolo dell’album – che era stato da tempo annunciato con il nome del suo brano d’apertura, Radio Silence – non è l’unica sorpresa del disco. Manca infatti all’appello, tra le prestigiose collaborazioni previste, Kanye West, che avrebbe dovuto partecipare al brano Timeless;  presenti invece Justin Vernon (Bon Iver), Frank Ocean e il produttore Rick Rubin.

Il suono di James Blake è una fusione particolarmente felice di un certa vocalità new soul, che ricorda molto quella di Antony Hegarty, e il versante più sdoganato dell’universo dubstep: genere che si afferma in Inghilterra nel primo decennio del 2000. Non è un caso che Untrue, uno dei lavori più popolari dell’intero movimento, abbia ricevuto anch’esso una nomination per il Mercury Prize: e Burial, il suo autore, rappresenta un’influenza evidente nella musica del Nostro.

The Colour in Anything non si discosta particolarmente dallo stile che ha caratterizzato i due precedenti lavori dell’artista, con le sue canzoni lente e avvolgenti, contraddistinte dai bassi pastosi e la timbrica baritonale del loro autore.

Impreziosito dall’artwork dell’illustratore Sir Quentin Blake, noto per le sue illustrazioni di libri per i più giovani (in particolare i romanzi per l’infanzia di Roald Dahl) vi facciamo ascoltare uno dei brani che hanno anticipato l’uscita di questo lavoro: I Need a Forest Fire, cantata in coppia con Justin Veron.

 

 

Vedi anche

Altri articoli