“Terremoto castigo per le unioni civili”. Radio Maria sospende Padre Cavalcoli

Vaticano
ANSA/ MASSIMO PERCOSSI

Livio Fanzaga, direttore dell’emittente, precisa che “le espressioni riportate sono di un conduttore esterno”, padre Giovanni Cavalcoli, “fatte a titolo personale”

Il Vaticano critica le affermazioni andate in onda su Radio Maria, che presentavano il recente terremoto in centro Italia come un “castigo divino” dopo la legalizzazione delle unioni civili. Affermazioni “offensive per i credenti e scandalose per chi non crede”, ha detto mons. Angelo Becciu, sostituto della Segreteria di Stato, citato dalla Radio vaticana.

Per il monsignore si tratta di affermazioni “datate al periodo precristiano che non rispondono alla teologia della Chiesa perché contrarie alla visione di Dio offertaci da Cristo”. “I terremotati ci perdonino a loro va la solidarietà del Papa”, ha detto Becciu, “chi evoca il castigo divino ai microfoni di Radio Maria offende lo stesso nome della Madonna che dai credenti è vista come la Madre misericordiosa”.

Radio Maria è una emittente cattolica indipendente dalla Santa Sede non nuova a prese di posizioni oltranziste. Già prima della reprimenda vaticana, ad ogni modo, Radio Maria aveva “smentito categoricamente” chi attribuiva le parole sul terremoto a padre Livio Fanzaga, direttore dell’emittente, ammettendo però, in una nota, che “le espressioni riportate sono di un conduttore esterno”, padre Giovanni Cavalcoli, “fatte a titolo personale e non rispecchiano assolutamente il pensiero di Radio Maria al riguardo”.

Eppure Padre Giovanni Cavalcoli, a La Zanzara su Radio 24 non si è scusato per le frasi sul terremoto da lui dette a Radio Maria il 30 ottobre: “Confermo tutto, terremoti provocati da peccati dell’uomo come le unioni civili”. “Il Vaticano? Si ripassino il catechismo”, ha aggiunto intervistato da Giuseppe Cruciani.

Oggi, dopo una settimana, la vicenda si chiude con la sospensione del responsabile di quella frase, padre Giovanni Cavalcoli.”Radio Maria ritiene inaccettabile la posizione di padre Giovanni Cavalcoli sul terremoto e lo sospende con effetto immediato dalla sua trasmissione mensile”, ha fatto sapere l’emittente radiofonica. La polemica presa di posizione contro le unioni civili, spiega Radio Maria, “non è in linea con l’annuncio della misericordia che è l’essenza del cristianesimo e dell’azione pastorale di Papa Francesco”, si legge in un comunicato.

Vedi anche

Altri articoli