Sviluppo digitale in Europa, Italia in coda ma cresce più di altri

Innovazione
digitale

Il Digital economy & society indexv dell’Ue pone l’Italia al 25esimo posto. Ecco tutti gli indici

Nel settore dell’innovazione digitale ci stiamo impegnando, ma il rendimento è ancora basso. È questo quello che emerge dalla classifica Digital economy & society index (Desi), che misura i progressi degli Stati Ue nel settore del digitale. Un’analisi fatta sulla base di circa trenta indicatori nelle seguenti aree: connettività, capitale umano, uso di internet, integrazione delle tecnologie digitali nel sistema produttivo, e-government. Nella classifica dei 28 Paesi membri dell’Unione europea, l’Italia occupa il 25esimo posto. Un gradino più basso rispetto al 2015, ma facciamo parte del gruppo di Paesi (insieme a Croazia, Lettonia, Romania, Slovenia e Spagna) cosiddetto catching up, ovvero quelli che registrano i tassi di crescita più alti.

 

Classifica Desi

 

Come si vede dal grafico ci troviamo sotto la media europea dello 0.52, indicata nel diagramma con il colore blu. Il punteggio raggiunto dall’Italia è dello 0.40, il colore verde indica che la situazione indubbiamente migliora. Rispetto allo scorso anno, quindi, siamo cresciuti. Il trend è positivo, tuttavia quello che è stato fatto non ci consente di recuperare terreno e fare un bel balzo in avanti. C’è ancora tanta strada da fare in ognuno dei settori presi in esame, ma andiamo ad analizzarli nel dettaglio.

Per quanto riguarda la connettività siamo messi malissimo, al 27esimo posto in Europa. La banda larga c’è, ma si diffonde molto lentamente. Soltanto il 53% della popolazione è raggiunto dalla connessione ad alta velocità. Qui la distanza dalla media Ue è massima, 0.42 contro 0.59. Di contro utilizziamo molto di più la rete mobile attraverso gli smartphone, con 75 abbonamenti ogni 100 persone.

Sul capitale umano siamo 24esimi. Un terzo degli italiani non è mai andato o non va quasi mai su internet, mentre meno della metà della popolazione possiede le competenze digitali indispensabili. Il punteggio raggiunto dall’Italia in questo ambito passa dallo 0.38 del 2015 allo 0.42 di quest’anno, ma è ancora lontano dallo 0.59 della media Ue.

Sull’uso di internet registriamo il risultato peggiore, occupando l’ultima posizione. La nostra abitudine a cercare notizie ed informazioni sulla rete o ad usufruire dei servizi digitali è scarsa. Anche in questo ambito la distanza dalla media Ue (0.45) è elevata. Il punteggio del nostro Paese è dello 0.33.

Le cose vanno meglio nel campo dell’integrazione di tecnologie digitali nel sistema di produzione, 20esimi. Qui il punteggio passa dallo 0.29 del 2015 allo 0.31 del 2016, contro una media europea dello 0.36.

La performance più soddisfacente è nel campo dei servizi pubblici digitali, ovvero dell’e-government, dove l’Italia ottiene uno score dello 0.54, occupando il 17esimo posto in classifica. Non a caso la distanza dalla media Ue (0.55) è solo dello 0.1.

Bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto? Di sicuro non c’è da compiacersi, né è il momento di fare bilanci. Dopo un 2015 scandito da una serie di ostacoli e ritardi di varia natura, che hanno rallentato il cammino dell’innovazione, il 2016 è l’anno in cui l’Italia può cambiare passo su tutti i fronti e ottenere buoni risultati.

Il piano di 3 miliardi di euro per la realizzazione della banda ultralarga, presentato esattamente un anno fa, ha ricevuto da poco il via libera da parte della Conferenza Stato-Regioni e a breve passerà l’ultimo vaglio di Bruxelles. Nel frattempo, tra tante difficoltà, sono state avviate le sperimentazioni del Sistema pubblico dell’identità digitale (Spid) e dell’Anagrafe unica digitale. Sono partiti anche i progetti sulla fatturazione elettronica e i pagamenti digitali nella Pubblica amministrazione. Mentre è in corso l’iter parlamentare per l’approvazione del Codice dell’amministrazione digitale (Cad), la riforma digitale della PA, e del Freedom of information act (Foia), la legge per rendere più trasparente e accessibile la nostra burocrazia.

Insomma, il cantiere dell’innovazione è aperto. Adesso è arrivato il momento di capitalizzare quanto fatto fino ad oggi. Pertanto bisogna lavorare a testa bassa per rispettare il piano di lavoro e raggiungere gli obiettivi.

Vedi anche

Altri articoli