Successo di Bertolaso alle Gazebarie, ma Lega-Fdi scelgono Giorgia Meloni

Amministrative
Il segretario federale della Lega Nord, Matteo Salvini, con il presidente di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni, in una immagine del 06 marzo 2015.  
ANSA/DANIELE MASCOLO

La leader di Fratelli d’Italia mette a disposizione la sua candidatura per Roma, ma per oggi non è previsto alcun vertice con Berlusconi e Salvini

Le Gazebarie a Roma, da cui è uscito un chiaro plebiscito nei confronti di Guido Bertolaso, si erano appena aperte che i rappresentanti della Lega avevano già scelto un altro nome, quello di Giorgia Meloni.

Primo fra tutti Salvini, che fa il nome della leader di Fdi ormai da tempo, visto che la candidatura di Bertolaso lo ha convinto solo per i primi giorni prima di un improvviso cambio di rotta. La candidatura di Giorgia Meloni è “la migliore possibile” ed era “più naturale” per le amministrative a Roma.

Insomma, dopo aver organizzato i banchetti a fine febbraio e le Gazebarie ieri, la destra ancora non ha preso una decisione definitiva e appare, anzi, sempre più divisa con Berlusconi che continua a sostenere il candidato da lui proposto e con Lega e FdI-An che provano a smarcarsi, mettendo sul tavolo il nome di Giorgia Meloni, che questa volta accetta.

La leader di Fdi ha chiesto un incontro risolutivo per oggi (che però non si terrà, almeno per il momento) a Berlusconi e Salvini, mettendo “a disposizione anche la mia candidatura come gesto di amore e responsabilità. Mi aspetto amore e responsabilità anche dagli altri. Guido Bertolaso – ha aggiunto Meloni – può essere un buon candidato e un buon sindaco se riesce a unire le forze di centrodestra. Se riesce a farlo e a vincere le perplessità che ancora diverse persone hanno, Fdi sarà con lui come lealmente ha fatto dall’inizio”.

“Se la Meloni scende in campo ne parleremo anche con lei, valuteremo e verificheremo. Tenendo presente i 40, 45 mila romani che si sono presentati spontaneamente ai gazebo e hanno espresso le loro opinioni e anche il loro desiderio”, ha detto Bertolaso in un’intervista al Tempo, ribadendo che un ticket con Meloni “è improponibile”.

Deve fare la mamma – è stato il commento decisamente infelice di Bertolaso intervenuto ieri sera a Fuori Onda su La7 -. Non vedo perché qualcuno debba costringerla a fare campagna elettorale. Dopo potrà tranquillamente diventare la leader dell’Italia futura”.

Berlusconi al momento resta sulle sue posizioni e non arretra su Bertolaso. Oggi, forse, si riuscirà finalmente a capire se la destra riuscirà a ricompattarsi sotto un unico nome oppure se è in vista una rottura.

Vedi anche

Altri articoli