Spari in un college nell’Oregon: nove vittime, ucciso l’attentatore

Usa
college

La strage è avvenuta nell’Umpqua Community di Roseburg. Ci sarebbero anche una ventina di feriti

È stato ucciso l’autore della strage nella quale sono morte nove persone e ferite una ventina, all’interno dell’Umpqua Community di Roseburg, nell’Oregon. Ancora una sparatoria all’interno di un college statunitense, quindi, proprio nei giorni in cui Barack Obama è tornato a esprimersi contro l’accesso troppo semplice alle armi da fuoco negli Usa.

Il giovane attentatore (si tratterebbe di un ventenne) si è inrodotto nel campus e ha aperto il fuoco, scatenando il panico. La polizia ha isolato la zona e, anche dopo averlo fermato, ha setacciato il college alla ricerca di complici o esplosivi eventualmente presenti, ma fortunatamente non sarebbero stati trovati né gli uni né gli altri.

Il portavoce della Casa Bianca Josh Earnest ha confermato che “affrontare il nodo della violenza con armi da fuoco resta una priorità del presidente Barack Obama”

Vedi anche

Altri articoli