Simpatizzanti M5S e aggressioni sul web: le donne si mobilitano

Social network
angeli_leonardi

Federica Angeli, l’esponente Pd calabrese Anna Rita Leonardi, la senatrice Pezzopane: sono tante le donne a denunciare attacchi sessisti online. Sulla vicenda interviene anche il ministro Pinotti

Federica Angeli e Anna Rita Leonardi. Una è una giornalista romana che si occupa di nera e giudiziaria per La Repubblica e in particolare segue, ormai da tempo, i casi della mafia del litorale romano. L’altra è l’ex candidata sindaco del Comune calabrese di Platì per il Partito democratico ed esponente Pd in Calabria. A unirle un caso di stalking di cui entrambe sono vittime sui loro profili social: il personaggio, che poi si è scoperto essere un simpatizzante del Movimento 5 stelle, si nascondeva dietro il nickname @spinax64 e da Twitter si divertiva a lanciare pesanti offese alle due donne.

La loro “colpa”? Quella di Federica Angeli è stata di scrivere degli articoli sulla giunta capitolina. Di fare politica per il Pd quella di Anna Rita Leonardi.

Angeli e Leonardi hanno ricevuto tanti messaggi, molti dei quali offensivi, ma gli insulti arrivati dal simpatizzante grillino sono stati particolarmente pesanti.

https://twitter.com/spinax64/status/769882937273745409

Dopo alcune ricerche si è scoperta l’identità del personaggio: si tratta di Michele Casipoli, che Angeli ha segnalato alla ministro Roberta Pinotti, dato che l’uomo lavorerebbe proprio al ministero della Difesa.

Il ministro Pinotti ha risposto immediatamente al tweet della giornalista romana, che ha scritto una lunga lettera per segnalare il fatto:

“Gentile ministro Pinotti – si legge nella lettera -, da mesi ormai, come troppo di frequente accade sui social network un po’ a tutti, sono bersaglio di molestie da parte di un utente Twitter tale @spinax64 che ieri ho scoperto essere tale Michele Casipoli ovvero un tecnico avionico presso la 46esima brigata in stanza a Pisa. Questo almeno scrive sul suo profilo pubblico Facebook”.

“Mi domando – prosegue Angeli – come possa, coperto da anonimato, scrivere a una donna, prima ancora che cronista purtroppo da tre anni sotto scorta, su un social network come mi comporti in intimità e se mi porti a letto gli uomini della mia scorta”.

Anche nei giorni precedenti, Leonardi, insieme alla senatrice Stefania Pezzopane avevano denunciato “l’oscena escalation di aggressioni ‘virtuali’ degli ultimi giorni, delle quali siamo state vittime”, una violenza che “ci ha portato a reagire con forza per denunciare quello che sta accadendo”.

I casi sono tanti, troppi e spesso, denunciano Leonardi e Pezzopane, “non possiamo fare a meno di notare, inoltre, che la quasi totalità di questi episodi sono legati a sostenitori del M5S, partito politico il cui leader non è estraneo ad esternazioni violente ed aggressive, così come altri rappresentanti dello stesso movimento”. Casi come questo, di poche ore fa.

Vedi anche

Altri articoli