Sfuma l’alleanza Corriere-Sole. Uno degli editori: “È improponibile”

Editoria
quotidiani

Come muterà ancora il sistema editoriale italiano? Quali saranno le prossime mosse del nuovo proprietario del Corriere della Sera, Urbano Cairo?

Il matrimonio tra Il Corriere della Sera e Il Sole 24 Ore non s’ha da fare. Lo chiarisce una volta per tutte Vincenzo Boccia, editore del quotidiano economico in qualità di presidente di Confindustria. “Una fusione tra i due gruppi è improponibile” ha sottolineato il numero uno degli industriali, aggiungendo che Il Sole 24 Ore rimarrà autonomo e di proprietà di Confindustria.

Sembra quindi sfumata, almeno per il momento, l’ipotesi di una fusione con Rcs, evocata negli ultimi mesi da molti osservatori e suggestionata ancor più dopo il recente accordo tra la Repubblica e la Stampa che ha dato vita, in pratica, al primo gruppo italiano dell’informazione (con la fusione dei rispettivi gruppi editoriali Espresso-Itedi)

Da quel momento – che di fatto ha mutato lo scenario del sistema editoriale – sembrava quasi scontata l’ipotesi di un’alleanza tra il Corriere della Sera con il Sole 24 ore, specialmente a seguito della nomina di Gabriele Del Torchio ad amministratore delegato del Gruppo Sole24Ore: un manager uomo di fiducia di Andrea Bonomi, cioè il finanziere che assieme a Unipol, Pirelli, Della Valle e Mediobanca ha provato a prendere il controllo di Rcs.

Ma la vittoria dell’editore di La7, Urbano Cairo, che a sorpresa ha conquistato il controllo della scatola finanziaria che pubblica il Corriere della Sera, cambia decisamente le carte in tavola. E assieme alle parole pronunciate oggi dal numero uno degli industriali rimette in discussione la tanto evocata fusione Corsera-Sole.

È altrettanto chiaro, tuttavia, che al giorno d’oggi non si possono escludere cambiamenti o svolte improvvise da parte dei vari gruppi editoriali, sopratutto se si considera la profonda crisi che sta attraversando l’intero settore dell’editoria. I quotidiani continuano a vendere sempre meno e a parte alcuni tentativi di rinnovamento e ristrutturazione (vedi la fine della liquidazione del Manifesto e il riacquisto della testata da parte della cooperativa dei giornalisti), una delle soluzioni per sopravvivere rimane sempre la fusione tra le parti. È anche vero però, paventano alcuni osservatori, che più aggregazioni corrispondono a una minore pluralità di voci.

Il Corriere che verrà

Da oggi comunque, il nuovo proprietario di Rcs potrà cominciare il rilancio e la ristrutturazione della casa editrice, a partire dalle nomine del consiglio di amministrazione: nomi nuovi con (forse) lui stesso come amministratore delegato.

E va anche detto, nessuno sembra metterlo in dubbio, che Urbano Cairo ha dimostrato di saper fare l’editore nelle testate che ha acquisito e gestito.

Con il suo arrivo – ha fatto sapere oggi – realizzerà una profonda revisione della spesa tagliando tutto ciò che non è indispensabile. Per averne conferma basterebbe guardare alla precedente manutenzione attuata a La7, quando Cairo rilevò la testata da Tronchetti Provera.

E forse, ragionando da editore e pensando di risparmiare qualche risorsa, potrebbe anche effettuare una razionalizzazione tra la Gazzetta dello Sport e Tuttosport. Magari mandando un solo inviato negli eventi sportivi che non toccano la diversità dei due pubblici di riferimento, come ad esempio Barcellona – Real Madrid, piuttosto che il Tour de France. Il discorso, ovviamente, sarebbe diverso nel momento in cui si dovrebbe coprire una partita come Juventus-Milan.

Nelle parole pronunciate oggi, Cairo ha comunque dato qualche indizio sulle prossime mosse dal punto di vista editoriale e commerciale. Oltre alle sinergie tra il Corriere della sera e La7 (“vanno comunque tenuti distinti”), potrebbe esserci il lancio di nuovi periodici in Spagna e, a breve, la distribuzione del quotidiano per un mese a un prezzo speciale in modo da invogliare i lettori a riscoprirlo.

Una cosa è certa, la linea editoriale e il direttore – che Cairo definisce “padrone sovrano” – non cambieranno. Almeno per il momento.

—>>> LEGGI ANCHE: CHI E’ UMBERTO CAIRO, IL NUOVO PROPRIETARIO DI RCS >>> —

Vedi anche

Altri articoli