Sette cose da sapere sulla 72esima Mostra del Cinema di Venezia

Cinema
A winged lion statue of the Venice Film Festival, stands outside the Cinema Palace ahead of the opening of the annual 72nd annual Venice International Film Festival, in Venice, Italy, 01 September 2015. The festival runs from 02 September to 12 September. ANSA/CLAUDIO ONORATI

Il film in gara, le star e le curiosità dell’ultima edizione

1) La prima serata

La mostra del Cinema di Venezia apre i battenti oggi, 2 settembre, con la cerimonia di apertura che vedrà sul tradizionale tappeto rosso decine di star. In particolare quelle protagoniste del primo film in programma, “Everest” di Beltasar Kormàkur, e cioè Josh Brolin, Jake Gyllenhaal ed Emily Watson. L’inaugurazione avverrà alla presenza del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, il ministro della Cultura Dario Franceschini, il presidente della Biennale, Paolo Baratta, il direttore della Mostra, Alberto Barbera. La Mostra si concluderà il 12 settembre con la proclamazione dei vincitori.

2) Le star

Oltre a quelli già citati, il Lido vedrà accanto alla madrina della mostra, Elisa Sednaoui, molte star internazionali. Tra queste, dovrebbe esserci Johnny Depp, protagonista del film “Black Mass – L’ultimo gangster” (Black Mass) diretto da Scott Cooper, e Robert Pattinson, il divo di Twilight che arriverà in laguna in coppia con Berenice Bejo per “The Childhood of a Leader” di Brady Corbet. Per la gioia dei fan della saga dei vampiri teenager, ci sarà anche Kristen Stewart, compagna di Pattison in Twilight, e ora protagonista del film in concorso “Equals” di Drake Doremus.
L’11 settembre Venezia è atteso anche Vasco Rossi, in occasione della proiezione del “decalogo di Vasco”. Film documentario di Fabio Masi sulla rockstar italiana e un immaginario viaggio di due amici.

3) I film in concorso

Nella selezione ufficiale, in competizione per il Leone d’Oro con altri 21 titoli ci sono 4 pellicole italiane: “Sangue del mio sangue” di Marco Bellocchio, “Per amor vostro” di Giuseppe Gaudino, “L’attesa” di Piero Messina e “A bigger Splash” di Luca Guadagnino, co-prodotti tutti con la Francia. Gli altri titoli in gara sono: “Abluka” (frenzy) di Emin Alper, “Heart of a dog” di Laurie Anderson, “Looking for Grace” di Sue Brooks, “Equals” di Drake Doremus, “Remember” di Atom Egoyan, “Beasts of no nation” di Cary Fukunaga, “Marguerite” di Xavier Giannoli, “Rabin, the last day” di Amos Gitai, “The endless river” di Oliver Hermanus, “The danish girl” di Tom Hooper, “Anomalisa” di Charlie Kaufman, Duke Johnson, “11 minut” di Jerzy Skolimowski, “Francofonia” di Aleksandr Sokurov, “El clan” di Pablo Trapero, “Desde allá” di Lorenzo Vigas, “L’hermine” di Christian Vincent, “Behemoth” di Zhao Liang.

4) I numeri

Prima di arrivare a questo appuntamento e alla selezione dei film che verranno proiettati, sono stati visionate ben 3193 opere, di cui 1740 lungometraggi e 1453 cortometraggi. 55 i nuovi lungometraggi presentati, di cui 21 in concorso, 16 fuori concorso e 18 sono nella sezione Orizzonti. Dei fuori concorso, 9 sono documentari.

5) La giuria

Francesco Munzi è l’unico italiano presente nella giuria guidata da Alfonso Cuarón. Il regista italiano in concorso alla 71. Mostra di Venezia 2014 con Anime nere, acclamato dalla critica e vincitore di 9 David di Donatello 2015, dovrà decidere sui premi finali in compagnia di altri 8 giurati. Oltre a Cuarón, il regista messicano premio Oscar per Gravity, ci saranno il regista turco Nuri Bilge Ceylan, Palma d’oro a Cannes nel 2014 con Kiş uykusu (Il regno d’inverno); il regista polacco Pawel Pawlikowski, autore di Ida, premio Oscar per il miglior film straniero 2015; il regista taiwanese Hou Hsiao-hsien, Leone d’oro a Venezia 1989 con  Città dolente; l’attrice tedesca Diane Kruger, interprete, tra i molti suoi ruoli internazionali, del personaggio di Bridget von Hammersmark in Bastardi senza gloria (2009) di Tarantino; la regista e sceneggiatrice britannica Lynne Ramsay, acclamata dalla critica e nominata ai Golden Globe e ai Bafta per il film …e ora parliamo di Kevin (2011); l’attrice e regista statunitense Elizabeth Banks, interprete delle saghe di Spiderman e Hunger Games ed esordiente nella regia con la commedia di successo Pitch Perfect 2.

6) L’omaggio

La Mostra renderà omaggio al regista americano Wes Craven, re dell’horror scomparso due giorni fa. A lui sarà dedicata una proiezione speciale e gratuita programmata per la mezzanotte di sabato sera. Un orario ad hoc per l’opera più famosa del celebra regista: “Nightmare – On Elm Street”.

7) Il manifesto

immagine-72MIAC2015Quest’anno il manifesto della Mostra è dedicato al cinema d’autore, con le immagini di Antoine Doinel / Jean-Pierre Léaud sullo sfondo, a ricordare il precedente manifesto, e il primo piano dell’attrice, icona del cinema d’autore degli anni ’80, Nastassja Kinski.

mostra cinema

 

 

Vedi anche

Altri articoli