Senato, il “canguro” Cociancich stupisce tutti e blinda l’art.1

#5TopNews
Il presidente del Senato Pietro Grasso durante l'esame del ddl Rai nell'aula del Senato, Roma, 31 luglio 2015.    ANSA / MAURIZIO BRAMBATTI

Tutti gli appuntamenti e le notizie da non perdere oggi. A partire da ciò che succede al Senato…

Passa l’emendamento Cociancich: oggi si vota il primo freno all’ostruzionismo
Prosegue il cammino della riforme in aula Senato. Oggi l’aula verrà vota l’emendamento del dem Roberto Cociancich all’art.1. Dopo il “supercanguro”, presentato il gennaio scorso dal senatore del Pd Stefano Esposito che fece decadere migliaia di emendamenti all’Italicum, il Pd è riuscito a mettere a segno il colpaccio. Falliti i primi tentativi di superare almeno in parte l’ostruzionismo messo in atto sul ddl Boshi (Grasso che dice no ad Esposito e a tutte le proposte di modifica cosidette “premissive”), passa invece il “minicanguro” Cociancich, un inattaccabile emendamento sostitutivo con cui  la maggioranza blinda l’articolo 1 del disegno di legge di Riforma costituzionale da eventuali sgambetti o incidenti nell’aula del Senato. Il pericolo poteva venire infatti dai 19 voti segreti a cui il presidente Pietro Grasso aveva dato l’ok. Una tagliola che ha fatto scendere da 908 a 385 gli emendamenti da votare. Di fatto era stato lo stesso Grasso a dire – dichiarando irricevibili i 72 milioni di emendamenti di Calderoli – che il lavoro sugli emendamenti sarebbe stato “un work in progress” e che l’ammissibilità sarebbe stata fatta “articolo per articolo”. La maggioranza, quindi, dimostra di avere i numeri, anche se bisognerà aspettare oggi per vedere se il colpo del mini-canguro sarà messo a segno. “E’ evidente che nel regolamento del Senato si troveranno, e le stiamo trovando, le modalità per consentire di affrontare articolo per articolo il passaggio al 13 ottobre”. Ha spiegato il vicesegretario del Pd Lorenzo Guerini. “Vogliono bloccare le riforme, ma non ce la fanno”, ha commentato invece il presidente del Consiglio, Matteo Renzi dando la carica ai suoi. Una guerra a colpi di trucchi regolamentari è quella che sta andando in scena al Senato, e oggi si scrive un’altra pagina.
Ddl concorrenza su multe e assicurazioni rc auto
Prosegue l’esame del ddl concorrenza che porta la firma del ministro dello Sviluppo economico Federica Guidi. Oggi l’aula della Camera è arrivata ad esaminare fino all’articolo 19 che riguarda le bollette di energia elettrica e gas. Diverse le novità introdotte ieri nell’aula di Montecitorio che ha esaminato parte degli emendamenti. Oltre a nuove misure importanti sulla assicurazioni rc auto, le bollette di energia elettrica e gas, tra gli emendamenti che sono passati anche quello che  prevede di far slittare al 10 giugno 2017 lo stop all’esclusiva di poste italiane nell’invio delle notifiche degli atti giudiziari e delle multe. L’assemblea riprende le votazioni oggi ma il via libera al testo che contiene quasi 40 articoli, presumibilmente arriverà la prossima settimana.
Numeri che fotografano: oggi nuovi dati Istat 
Oggi dall’Istat i dati sul pmi manifatturiero e sulle immatricolazioni auto. Intanto ieri buone notizie sulla disoccupazione erano arrivate proprio dall’istituto di statistica con la disoccupazione che scende sotto il 12%: in un anno, è stato calcolato, ci saranno  325mila posti in più. “L’Italia è fuori dalle sabbie mobili: missione compiuta”, così Matteo Renzi alla Camera nel question time (ecco il suo discorso in pillole) in cui ha fatto il punto sulle misure economiche del governo. E l’annuncio di volere inserire nella legge di stabilità una misura contro la povertà.
Edilizia scolastica e sicurezza
Edilizia scolastica e associazioni presenti. E’ questa la novità della nuova riunione prevista per oggi dell’osservatorio per l’edilizia scolastica coordinato dal Miur e presieduto dal sottosegretario Davide Faraone. Per la prima volta, grazie ad un decreto firmato dal ministro Stefania Giannini in attuazione della legge Buona scuola, d’ora in poi potranno partecipare anche le organizzazioni civiche. “In occasione di ogni riunione dell’osservatorio sarà reso pubblico un ordine del giorno e sarà data la possibilità alle associazioni di partecipare attivamente aderendo tramite un format on line”, fa sapere il Miur. “Dopo la pubblicazione dell’anagrafe, un’altra scelta di trasparenza che riguarda l’edilizia scolastica: finalmente le associazioni, che in questi anni si sono occupate di sicurezza nelle scuole, svolgendo un lavoro meritorio per il Paese, potranno partecipare alle riunioni dell’osservatorio fornendo un contributo fondamentale per la gestione e il monitoraggio degli interventi che di volta in volta predisporremo”, dichiara il sottosegretario Davide Faraone.
Siria, la Russia bombarda
Avviare al più presto colloqui tra comandi militari per cercare una soluzione comune in Siria: su questo hanno concordato Kerry e Lavrov, dopo le critiche Usa ai bombardamenti avviati dalla Russia in aiuto di Assad. Secondo l’opposizione siriana, i raid russi non sarebbe diretti contro l’Isis e hanno ucciso almeno 36 civili. In Afghanistan le forze governative riconquistano Kunduz City. Abu Mazen chiede all’Onu protezione internazionale da Israele e afferma: non siamo più legati agli accordi di Oslo.

Vedi anche

Altri articoli