Secondo Confindustria “arriva mezzo milione di posti di lavoro”

Economia
lavoro

Confindustria rivede al rialzo la stima del Pil italiano e prevede mezzo milione di posti in più per il biennio 2014-2016

Confindustria alza le stime del Pil e vede ‘rosa’ anche sul fronte lavoro: il biennio 2014-2016 si chiuderà con mezzo milione di posti in più. Il Centro studi degli industriali prevede che nel 2015 il Pil registrerà un incremento dell’1% (dallo 0,8% delle previsioni diffuse a giugno) e nel 2016 dell’1,5% (dall’1,4% di giugno).

Gli industriali confidano in un’accelerazione della ripresa dell’Italia anche alla luce degli ultimi dati diffusi da Istat e Confcommercio. Ad alimentare le speranze è infatti la recente diffusione di Pil, occupazione e consumi cresciti più delle attese.

“Il rapporto di Confindustria conferma che il Jobs Act sta generando una recupero di occupazione sorprendente” commenta il responsabile segreteria del Partito democratico, Filippo Taddei.

La ripresa c’è “ma non basta”, sottolinea il numero uno di Viale dell’Astronomia: “Un ritorno della crescita al ritmo del 2% l’anno è possibile, anche grazie all’azione riformatrice del governo che ha già preso una serie importante di misure positive – sottolinea Giorgio Squinzi – io giudico molto rilevanti anche quelle annunciate che saranno varate prossimamente”
Tuttavia, per gli industriali “lo snodo per consolidare il ritorno alla crescita” passa attraverso maggiori investimenti pubblici e privati.

Riguardo al numero degli occupati, Confindustria prevede che quest’anno continuerà a crescere, con una variazione in media pari a +0,9%: il biennio si chiuderà con 278 mila occupati in meno rispetto a fine 2007, ma con +494 mila rispetto al 2014.

Insomma, “con i giusti incentivi – si legge nel rapporto degli industriali – l’Italia reagisce nei modi e con l’intensità attesi”.

Vedi anche

Altri articoli