Scuola digitale, oltre 4 milioni sulla didattica innovativa

Innovazione
scuola-digitale

Il bando rientra nell’ambito delle iniziative previste dal Piano Nazionale Scuola Digitale, con il quale il governo intende dare una forte spinta all’innovazione del nostro sistema scolastico

Promuovere la cultura digitale tra gli studenti della scuola italiana. È questo l’obiettivo del bando da 4,3 milioni di euro del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca che prevede la realizzazione di 25 percorsi didattici sulle seguenti tematiche: diritti in Internet; educazione ai media (e ai social); educazione all’informazione; STEM (sviluppo delle competenze digitali, ad esempio, per la robotica educativa, making e stampa 3D, Internet delle cose); big e open data; coding; arte e cultura digitale; educazione alla lettura e alla scrittura in ambienti digitali; economia digitale; imprenditorialità digitale.

Il bando rientra nell’ambito delle iniziative previste dal Piano Nazionale Scuola Digitale, con il quale il governo intende dare una forte spinta all’innovazione del nostro sistema scolastico. I contenuti dei percorsi dovranno essere rilasciati in formato aperto (Open Educational Resources). Una volta sviluppati, infatti, verranno messi a disposizione di tutte le scuole. In questo modo si vuole costituire una base di materiali per la didattica gratuita e riutilizzabile da tutte le scuole.

Per il ministro Stefania Giannini l’avviso “ha un contenuto altamente innovativo. Da un lato, spinge il mondo della scuola a riflettere su come educare i nostri ragazzi ad affrontare le nuove sfide della cittadinanza digitale, su come aiutarli a sviluppare nuove competenze. E rende la scuola protagonista e capofila nella scrittura di questi percorsi. Dall’altro, invita anche realtà esterne – università, imprese, enti di ricerca, associazioni – a fare rete con gli istituti scolastici e a condividere la partecipazione a questo processo mettendo a disposizione la propria esperienza e i propri strumenti. Si tratta di un’altra occasione per avvicinarci al modello di scuola aperta e far crescere comunità educative creative, capaci di costruire il domani”.

I 25 curricoli dovranno essere articolati secondo un modello didattico originale e accattivante, capace di favorire l’apprendimento delle competenze digitali attraverso il coinvolgimento diretto degli studenti. Dall’organizzazione dei contenuti alla loro presentazione i percorsi dovranno stimolare la partecipazione attiva ed il protagonismo dei ragazzi.

L’avviso si rivolge a tutte le scuole, che per partecipare dovranno costituirsi in rete e instaurare dei partenariati qualificati con soggetti e organizzazioni competenti nel campo del digitale. Alle migliori proposte il Ministero assegnerà un contributo fino a 170.000 euro. Il termine per la presentazione dei curricoli è il 10 novembre prossimo. Per sostenere la partecipazione al bando il Ministero metterà a disposizione delle scuole sessioni di live streaming, Faq e Kit di supporto sul sito http://www.istruzione.it/scuola_digitale.

Vedi anche

Altri articoli