Scolapasta e spaghetti volanti: ecco in cosa credono i Pastafariani

Mondo
pastafariani-public-domain

Al fianco delle comunità omosessuali anche la Chiesa del Mostro di Spaghetti Volante, religione nata per contrastare le teorie creazioniste in America

In piazza per difendere i diritti della comunità LGBT, c’erano anche i seguaci del Pastafarianesimo o Chiesa del Mostro di Spaghetti Volante, ma chi sono e che cosa professano?

Chiariamo subito che l’unico dogma ammesso nella Chiesa è il rigetto di ogni dogma. Non ci sono, quindi, “regole strette e regolamenti, né particolari rituali, preghiere ed altre sciocchezze”, ogni credente può interpretare e professare la religione a modo suo.

pastafariani-public-domainDi loro se stessi, dicono: “E’ difficile definire cosa siamo, ma ci sono alcune cose generali che possono essere dette riguardo al nostro credo:

  • Crediamo che i Pirati, gli iniziali Pastafariani, erano dei pacifici esploratori ed è a causa della disinformazione veicolata dai Cristiani che oggi vengono visti come dei criminali reietti
  • Siamo amanti della birra
  • Ogni Venerdì è la nostra festa religiosa
  • Non ci prendiamo mai troppo sul serio
  • Accettiamo le contraddizioni della vita (sebbene in ciò, siamo veramente unici)

Come ogni religione che si rispetti, esiste anche un profeta, Bobby Henderson, trentenne, che ha portato alla ribalta questa religione. Nel 2005, infatti, in Usa, lo stato del Kansas decretò l’insegnamento obbligatorio del Creazionismo in parallelo a quello della Teoria dell’Evoluzione, cosicché “i bambini potessero farsi un idea da soli sulla realtà delle cose, confrontando diversi punti di vista”. Bobby Henderson, decise quindi che ognuno avesse il diritto di dire la sua, per questo svelò al mondo l’esistenza del Pastafarianesimo.

pastafarianesimo.jpg-300x210

Attualmente, si legge nel sito ufficiale dei Pastafariani, quando non opera come profeta della Chiesa del Mostro di Spaghetti Volante, Henderson è un vagabondo: “A volte fa il lavoro da nerd al computer, a volte scrive cose per denaro. Probabilmente vi sarà capitato di averlo ingaggiato per scrivere qualcosa o per fare un lavoro nerd al computer, probabilmente a basso costo”.

Ma non pensate che sia una semplice boutade, i seguaci ci tengono molto ad essere accettati dalla società e lottano per aver riconosciuto i propri diritti, per questo si trovavano in piazza con le comunità omosessuali.

pastaQualche passo in avanti è stato fatto. Nel luglio 2011, l’ufficio dei trasporti di Vienna ha riconosciuto il diritto ad un giovane pastafariano, Niko Alm, a inserire nella patente di guida una propria fotografia con una scolapasta in testa, copricapo simbolo del Prodigioso Spaghetto Volante.

Analogo episodio si è ripetuto nel luglio 2013 in Repubblica Ceca, quando il ventottenne Lukáš Nový ha ottenuto che gli venisse riconosciuto il diritto di utilizzare, per la propria carta d’identità, una foto che lo ritrae mentre indossa lo scolapasta, in accordo alle leggi nazionali che consentono l’utilizzo di copricapi per motivi medici o religiosi purché non nascondano il volto.

downloadIl 3 gennaio 2014 Christopher Schaeffer ha giurato, con uno scolapasta sulla testa, come membro del consiglio comunale di Pomfret, una cittadina con 15 mila abitanti nello stato di New York, diventando il primo politico pastafariano statunitense eletto a un incarico pubblico, seguendo di pochi mesi l’elezione al Parlamento austriaco di Niko Alm.

E in Italia?  Anche nel Paese degli spaghetti è presente una Chiesa Pastafariana, nata ufficialmente il 12 marzo 2012 a Roma. La Chiesa Pastafariana Italiana ha organizzato quattro raduni nazionali, il primo a Roma, poi a Venezia, Bologna e Firenze. Nel corso del terzo raduno, l’8 novembre 2014 la C.P.I. si è data statuto di associazione e sta raccogliendo adesioni per chiedere il riconoscimento ufficiale dallo Stato.

 

Vedi anche

Altri articoli