Schiaffo della Lega a Parisi: in lista un neofascista

Milano
Il candidato sindaco del centrodestra a Milano, Stefano Parisi (s), salutato dal segretario della Lega Matteo Salvini al Teatro Dal Verme per la convention di apertura della campagna elettorale, Milano, 19 marzo 2016. ANSA/ DANIEL DAL ZENNARO

Il candidato del centrodestra aveva detto: “Con noi non ci sarà nessun estremista in corsa”

Il primo braccio di ferro sostanziale tra la Lega Nord e il suo candidato sindaco a Milano si è consumato. E gli esiti non sono quelli sperati da Stefano Parisi. Già smentito dal segretario del Carroccio Matteo Salvini sul nodo della costruzione di una moschea meneghina (Parisi era favorevole, il leader leghista ha chiarito che «non se ne parla») il candidato si è visto questa volta ignorato su un punto fondamentale come quello della composizione delle liste. Solo pochi giorni fa aveva assicurato di non voler imbarcare persone «che abbiano in alcun modo rapporti con movimenti neofascisti e antisemiti».

Continua a leggere

Vedi anche

Altri articoli