San Bernardino, Obama: “Non sappiamo ancora il perché”

Mondo
obama

“Potrebbe essere terrorismo o una questione legata al lavoro”

L’incredibile mattanza di San Bernardino non torva spiegazioni, per il momento. Nemmeno al livello più alto. “Non sappiamo ancora il perché di questo evento terribile”: dalla Studio Ovale della Casa Bianca Barack Obama l’ha ripetuto parlando della strage in diretta tv : “L’Fbi sta indagando” ha aggiunto, “andremo fino in fondo”. La connessione al terrorismo resta incerta, ma “non lo sappiamo. E’ possibile”, ha detto Obama aggiungendo che il movente potrebbe essere anche una lite sul posto di lavoro.

“Ci saranno molti colloqui – ha proseguito il presidente americano- dobbiamo capire la natura del rapporto tra l’individuo autore dell’attacco e i suoi superiori al lavoro. La sparatoria potrebbe essere legata al terrorismo, ma anche che sia legata a una lite per questioni di lavoro. Dobbiamo aver maggiori dettagli. Resteremo con gli occhi aperti, raccoglieremo prima i fatti, poi le conclusioni”.

Il problema resta quello, annoso, dell’accesso alle armi. “Il legislatore dovrà prendere delle misure per fare in modo che l’accesso alle armi non sia così facile come è oggi”,  ha dichiarato Obama. “Dobbiamo fare in modo – ha aggiunto – che siano assunte misure di buon senso, affinché sia più difficile che i cittadini acquistino armi”. Obama ha anche sottolineato che gli Usa dispongono “di un’intelligence molto forte, forze dell’ordine e soldati che lavorano efficacemente per la sicurezza. Ma non possiamo affidarci solo a loro, dobbiamo affrontare il problema, tutti abbiamo un ruolo da svolgere”.

Sono Syed Rizwan Farook, 28 anni – cittadino americano di origine pakistana, musulmano, un uomo che l’anno scorso si era recato in Arabia Saudita – e Tashfeen Malik, la moglie, gli esecutori materiali della strageche ha provocato 4 persone mentre 17 sono rimaste ferite.

Una pista “forte” resta quella dell’attacco terrorista anche se la matrice jihadista non è ancora certa. L’unica cosa certa è che ad attaccare sono state due persone individuate e uccise dalla polizia durante la fuga. Pochi dubbi invece sulla premeditazione della carneficina avvenuta all’interno dell’Inland Regional Center, un centro di assistenza per disabili di questa città di 250 mila abitanti, a un’ora d’auto da Los Angeles. Farook era un dipendente della contea presso l’ispettorato della Sanità. Era sposato con Malik, conosciuta via internet.

Vedi anche

Altri articoli