Salvini mostra il volto della peggiore destra: “Napolitano e Renzi autori di un genocidio”

Lega
Il leader della Lega, Matteo Salvini, durante la presentazione del suo libro "Secondo Matteo" alla Stampa Estera, Roma, 04 maggio 2016. ANSA/ ANGELO CARCONI

Il leader leghista in un’intervista paventa “sostituzioni etniche” e reazioni violente. E su Twitter: “Morti in mare sono sangue sulla camicia del premier”

“Una sostituzione etnica e di popoli”, ma anche “un genocidio di chi vive in questa Penisola”. Il leader leghista Matteo Salvini in una intervista ad Affaritaliani soffia sul fuoco della xenofobia e attacca a testa bassa tutti i principali rappresentanti istituzionali, presenti e passati.

Evidentemente a Salvini non sono andate giù le dichiarazioni di Giorgio Napolitano, che si era riferito alla Lega come un partito che animava “pulsioni xenofobe e antieuropeiste”. In tutta risposta, il leader del Carroccio annovera l’ex capo dello Stato tra i “razzisti nei confronti degli italiani”, coloro i quali “coccolano i clandestini e affamano gli italiani”. Insieme a lui c’è ovviamente Matteo Renzi, ma anche Alfano, Boldrini, Fornero.

Insomma, si avvicina il voto e i toni si fanno più duri. Salvini, però, non usa alcun freno morale e arriva addirittura a paventare rivolte sociali: “O si arresta l’invasione oppure in Italia sarà il caos e la gente avrà voglia di reagire”. Lanciato il sasso, il leader leghista tira indietro la mano, ma fino a un certo punto. E quando il giornalista fa riferimento a rivolte violente, lui risponde: “Spero di no, ma quando ormai hai milioni di disoccupati e al governo si preoccupano solo di chi sbarca…”.

Su Twitter, intanto, Salvini rincara la dose e, a proposito dell’ultimo naufragio nel Mediterraneo, scrive:

 

Scrivi la tua opinione su Unità.tv

Vedi anche

Altri articoli