Una sigla sindacale paralizza Roma. Il Garante degli scioperi chiede spiegazioni

Roma
WCENTER 0TMEDAMFBI Giacomo Gabrielli Ag.Toiati Stazione Termini. Sciopero dei mezzi.

Lo sciopero è indetto dal sindacato Cambia-Menti M410

Pioggia, traffico, paralisi dei mezzi pubblici. E poi i cortei e la corsa ai negozi del Black Friday  a cui si aggiungono i disagi per le strade allagate. Oggi sono state garantite solo le fasce orarie fino alle 8.30 e dalle 17 alle 20 nello sciopero indetto dal sindacato Cambia-Menti M410. Dalle 8.30 alle 12 è inoltre prevista inoltre un’agitazione sulle linee della Roma Tpl.


===> Leggi anche Micaela Quintavalle capo del sindacato Cambia Menti ci ricasca: è malata, ma parla in tv


Insomma il solito venerdì nero a cui i romani sono ormai, purtroppo, abituati. Tanto che in molti decidono addirittura di far ricorso ad un giorno di ferie pur di evitare la strenua corsa contro il tempo e i disagi o di partire all’alba per poter raggiungere la capitale.

Per quanto riguarda la Metro. Dopo le 8.30 l’Atac ha annunciato che dai capolinea della metro A e della metro C sono partite le ultime corse. Poi chiusura. Metro B, invece, ancora attiva con riduzione di corse. Anche per i treni i disagi non stanno mancando. Ritardi sulla tratta extraurbana della linea ferroviaria Roma-Civita-Viterbo. Sulla Roma-Lido le partenze sono state modificate più volte.

Ma come è possibile che una sigla sindacale a cui aderiscono solo una piccola percentuale sia in grado di mettere in ostaggio un’intera città?

Se lo chiede anche il Garante per gli scioperi, Giuseppe Santoro Passarelli che ha deciso di domandare ad Atac “informazioni puntuali e urgenti circa le valutazioni svolte dall’azienda, che hanno portato alla chiusura delle linee metro, a causa dello sciopero di una sigla sindacale che, nel corso dell’ultima astensione proclamata il 20 maggio scorso, ha raccolto il 2,6% delle adesioni sull’esercizio metropolitano”.

A tutto ciò si aggiunge il maltempo e il traffico. Un codice giallo per le prossime 24-36 ore, secondo la Regione Lazio. Già allagate numerose strade: ai disagi sul Grande Raccordo Anulare per forte pioggia e visibilità ridotta e a un incidente sulla Pontina all’altezza di Tor de Cenci, che causa lunghe code da Pomezia sud in direzione Roma, si aggiungono quelli in zona Ponte Galeria-Pisana, che risente ancora dell’allagamento di sabato notte e in cui si è aperta una voragine: la linea 881 è stata deviata su percorsi alternativi. Allagata piazza Giovanni Battista de la Salle e la circonvallazione Aurelia. Rallentamenti per incidente anche in via Aurelia all’altezza di Malagrotta per un incidente in direzione Centro. Traffico anche nel tratto urbano della A24 da viale Togliatti alla Tangenziale est, sempre in direzione Centro. Code su via Cristoforo Colombo per un incidente tra via Giordano e via Alfonsine.

Sempre oggi un altro sciopero potrebbe incidere sulla raccolta dei rifiuti. “L’Organizzazione Sindacale Usi (Unione Sindacale Italiana) ha proclamato uno sciopero generale a carattere nazionale di tutte le categorie pubbliche e private per l’intera giornata di venerdì 25 novembre – ha comunicato nei giorni scorsi l’Ama -. In base a precedenti casi del genere, si prevede un’incidenza limitata sull’erogazione complessiva dei servizi aziendali”.

 

Vedi anche

Altri articoli