Rinnovabili, Italia tra i primi in Europa. Ecco i numeri

Governo
Solar energy panels with wind turbines in the sunset

Matteo Renzi, parlando di rinnovabili durante la Direzione nazionale del Pd, ha messo in luce i risultati di quanto fatto finora dall’Esecutivo

“Sulle energie rinnovabili siamo leader in Europa con dati superiori alla Francia, alla Germania e al Regno Unito”. Con queste parole il presidente Consiglio Matteo Renzi, nella diretta Facebook #Matteorisponde, ribadisce quanto già messo in evidenza durante la Direzione nazionale del Pd. Ovvero la posizione dell’Esecutivo in materia di energie rinnovabili. Durante il suo intervento di ieri al Nazareno, infatti, il premier ha mostrato alcune slide per smontare uno degli argomenti dei comitati per il Sì al prossimo referendum sulle trivelle, ossia l’atteggiamento di palazzo Chigi di voler puntare solo sulle fonti fossili a scapito delle rinnovabili. Lo ha fatto entrando nel merito e mostrando una serie di dati che mettono in luce i risultati di quanto fatto finora proprio per le rinnovabili.

CfSnCmVW8AIuFix

 

Sull’energia elettrica prodotta in Italia, ha sottolineato illustrando le slide,  il 39% arriva dalle rinnovabili. Di questi un 2% arriva dal geotermico, un 8% dalle biomasse, un 7% dal solare, un 6% dall’eolico e un altro 16% dall’idrico. L’idrico, ha aggiunto, “ha un problema di licenze sapete con chi? Con l’Ue”.

E poi, guardando i dati Eurostat del 2014, Renzi ha snocciolato una serie di numeri: “I dati dell’istituto di statistica europeo prevedono per l’Europa a 28 l’obiettivo del 20% sul totale dell’energia. L’Italia ha il target del 17% ma nel 2014 lo abbiamo già superato (17,1%) e vogliamo fare di più. La Germania è al 13,8%, il Regno Unito al 7%, la Francia al 14,3%. Dei quattro Paesi guida d’Europa noi siamo il numero uno. Il dato del target sul totale dell’energia elettrica sul consumo per l’Europa a 28 è il 34 per cento. L’Italia ha il target il 26,4% ed era già al 33,4% nel 2014. La Francia al 18,3%, la Germania al 28,2%, il Regno Unito al 17%. Abbiamo un gap nella mobilità elettrica e se vogliamo parlare di energia rinnovabile, quel che a noi manca è l’attenzione alla mobilità elettrica e infatti puntiamo nel 2020 a 20mila colonnine elettriche: oggi sono appena 2.500″.

Insomma, ha ribadito oggi Renzi rispondendo ad alcune domande su Facebook: “Sulle rinnovabili il governo italiano è all’avanguardia e quelli che dicono il contrario dicono semplicemente il falso”.

Vedi anche

Altri articoli