Riforme, Renzi: “Non ci saranno problemi, i tempi saranno rispettati”

Governo
Il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, durante l'assemblea nazionale del Partito Democratico a Roma, 14 dicembre 2014.
ANSA/MASSIMO PERCOSSI

Il Premier intervistato dal Tg5: “I soldi per la sanità non sono stati tagliati, anzi ne stiamo mettendo di più”

Matteo Renzi intervistato dal Tg5 ribadisce la sua sicurezza sui tempi delle riforme: “Non ci saranno problemi, le riforme vanno avanti. C’è sempre un po’ di preoccupazione nel mondo politico. Sono un tentativo di rendere l’Italia più semplice e giusta. I tempi verranno rispettati”

Sulla sanità il Presidente del Consiglio sottolinea come il governo non sta tagliando i fondi:  “Segnamoci bene i numeri: nella sanità nel 2013 106 miliardi, nel 2014 109 miliardi, nel 2015 110 miliardi, nel 2016 111m miliardi: quindi, i soldi per la sanità non sono tagliati, ne stiamo mettendo di più”. Renzi sottolinea la volontà di ascoltare i medici senza il bisogno che si arrivi allo sciopero.

Ma per il Premier è quella di restituire la fiducia agli italiani la riforma più importante da fare infatti “se ripartono i consumi è perché i tanti soldi che sono fermi, bloccati, ricominciano a girare, se si rimette in moto l’economia reale del Paese, noi diventiamo il paese più forte d’Europa, più forte anche dei tedeschi. Bisogna però avere più fiducia nei propri mezzi”.

Infine all’assemblea generale dell’Onu Renzi dice di voler portare la voce dell’Italia sulla questione dei migranti perché “questo è il primo anno in cui l’Italia non ci va da osservata speciale, nessuno ha più dubbi sui di noi e possiamo portare la nostra voce sulla grande questione degli immigrati e dei rifugiati”

Vedi anche

Altri articoli