Renzi: “Vinceremo con il coraggio di Sala” – VIDEO

Milano
Matteo Renzi e Giuseppe Sala al Circolo Acli di Lambrate per la campagna elettorale, Milano, 8 maggio 2016.  ANSA/MOURAD BALTI TOUATI

Il presidente del Consiglio ai milanesi: “Fatevi l’elenco delle persone e contattatele: portatele a votare per vincere il Comune. Divertitevi”

“Come si fa a vincere? Bisogna che Beppe metta in campo tutto il suo coraggio e lo sta facendo”. La campagna elettorale per le amministrative è iniziata e Matteo Renzi è partito da Milano dove ieri ha parlato a braccio per circa 20 minuti dal circolo Acli per sostenere il candidato sindaco per il centrosinistra Beppe Sala. “Noi vinciamo al ballottaggio ma vinciamo, dire che vinciamo al primo turno porta sfiga”, ha scherzato poi il premier che dopo Milano farà tappa anche nelle altre grandi città impegnate nelle amministrative come Torino e Roma.

“Abbiamo vinto Expo – ha detto Renzi – per il grande coraggio di Beppe. Abbiamo vinto controvento, e lui ha retto. Ma Expo non l’ha vinto solo Sala e non solo il governo, l’avete vinto voi milanesi quel 3 maggio in cui con le ramazze avete dimostrato che Milano è più forte della paura”, ha dichiarato il premier ricordando la giornata di mobilitazione cittadina per la pulizia della città dopo la manifestazione contro Expo.

Non si tratta dell’unico fronte in cui è impegnato ora il premier che nei giorni scorsi ha iniziato anche la campagna per il Sì al referendum costituzionale al quale Renzi ha legato la tenuta dell’esecutivo, a differenza delle amministrative che invece, ha ribadito più volte nelle ultime settimane, non rappresentano un voto per il presidente del Consiglio e per l’esecutivo ma per il primo cittadino.

Ma in vista delle consultazioni di giugno, “il Pd per un mese dovrebbe prendersi la moratoria dell’insulto interno”, ha commentato ancora Renzi aggiungendo che “ad ogni modo noi siamo per il dibattito, io preferisco la discussione democratica interna. Altrimenti accade come la successione dinastica di padre in figlio del Movimento 5 Stelle all’indomani della morte di Casaleggio”. E non solo: il partito per le amministrative “deve fare la sua parte”, andando “casa per casa” e convincere tutti gli indecisi ad andare a votare. “Nella scommessa di Beppe per Milano – ha aggiunto il presidente del Consiglio – c’è una scommessa: la mia, la nostra. Fatevi l’elenco delle persone e contattatele: portatele a votare per vincere il Comune. Divertitevi”.

“C’è un mondo fuori da qui – ha detto infine Renzi – che chiede più Italia, e che chiede a Milano di farsi carico delle straordinarie potenzialità e ambizioni che ha il nostro Paese dando a questa città il ruolo di guida”.

Presente anche il ministro Maurizio Martina che ha evidenziato la concretezza della proposta del centrosinistra per le amministrative: “Penso che a Milano vinceremo e vinceremo bene. Credo che sia evidente a tutti, soprattutto in queste ore, la differenza tra chi cerca di costruire un progetto per il futuro di questa città pensando solo a Milano e chi invece fa di Milano l’ostaggio di partite tutte interne al centrodestra”. E anche Sala ha sottolineato l’importanza della proposta unitaria della sinistra,  ricordando il programma elettorale condiviso, “un esempio meraviglioso della sinistra unita, perché con le nostre differenze, con le nostra capacità di coprire tutto, ieri eravamo lì e sembravamo davvero un solo corpo, una sola parola. Veramente ieri abbiamo dato una dimostrazione di fede nelle cose che facciamo, di grande coesione e di grande gioia”.

Vedi anche

Altri articoli