Renzi: “Serial killer? Non cadete nel tranello di Grillo”

Referendum

Il presidente del Consiglio durante #matteorisponde: “Il Movimento 5 Stelle alza i toni dello scontro per coprire gli scandali firme false e affittopoli”

Oggi, durante l’ultimo appuntamento di #matteorisponde su Facebook, Matteo Renzi è tornato a parlare dell’articolo dell’Espresso sulle spese del gruppo pentastellato per lo staff della comunicazione: “160 mila euro – scrive il settimanale – 40 mila dei quali per il solo alloggio di Rocco Casalino, l’ex del Grande fratello”. In serata, il premier è tornato sull’argomento anche nella sua enews settimanale:

“Mi sono a lungo chiesto come fanno i Cinque Stelle a votare contro una riforma che porta in Costituzione le storiche battaglie che il loro movimento ha sempre fatto. La riduzione del numero dei parlamentari? E loro votano NO. L’obbligo di discutere le leggi popolari? E loro votano NO. Il superamento del bicameralismo paritario? E loro votano NO. L’abbassamento del quorum se si raggiungono 800mila firme (attenzione: firme vere, purtroppo per loro, non copiate)? E loro votano NO. L’abolizione del CNEL? E loro votano NO. È impressionante. Ma la cosa che più mi colpisce è aver scoperto il motivo per cui votano NO sul Senato. Non potevo crederci ma abbiamo scoperto – grazie all’Espresso – che i fondi che vanno ai gruppi del Senato (trenta milioni al PD in questa legislatura, circa la metà a Cinque Stelle, tanti anche agli altri), fondi che saranno cancellati se vince il Sì e che rimarranno con la vittoria del NO, servono a Cinque Stelle per pagare l’affitto ai dipendenti dell’ufficio comunicazione. Cinque Stelle può espellere parlamentari e sindaci ma non può fare a meno dell’Ufficio Comunicazione. Persino Rocco Casalino, capo della comunicazione Cinque Stelle, è passato dalla Casa del Grande Fratello alla Casa del Grande Senato. Un’affittopoli incredibile, di cui non parla nessuno. Ecco come usano i fondi del Senato. Al netto del referendum: possibile che chi voleva fare la rivoluzione dell’onestà e della trasparenza al momento buono diventi il più conservatore della vecchia casta? Un pensiero agli elettori del Movimento 5 Stelle: ma davvero volete difendere il sistema delle firme false e degli affitti veri?”

 

Vedi anche

Altri articoli