Renzi: “Risparmiatori italiani sono tranquilli. I problemi veri sono di altri”. Ecco a chi si riferisce

Banche

Il presidente del Consiglio torna sui problemi del sistema bancario europeo, con una nuova stoccata alla Germania

Il presidente del Consiglio è tornato nuovamente oggi sul tema delle banche, nel corso della conferenza stampa seguita all’incontro con il premier svedese Stefan Lofven.

Rispondendo a una domanda sugli effetti finanziaria della Brexit, Renzi ha confermato che la priorità del governo è quella di proteggere i risparmiatori italiani che, da questo punto di vista, possono stare tranquilli. Inoltre, ha aggiunto che se i problemi delle nostre banche (in particolare si riferiva, pur senza citarla, a Montepaschi) possono soffrire a causa dei cosiddetti crediti deteriorati (non performing loans), ovvero quei crediti non esigibili dagli istituti di credito, il valore di questo problema è pari a uno se paragonato con quello di altri istituti stranieri, sui quali pesa il fardello dei derivati, che al confronto vale cento.

Si tratta di un altra stoccata al sistema finanziario tedesco e, in particolare, a Deautsche Bank, sulla quale pesa una bolla di derivati pari addirittura a circa 20 volte il Pil della Germania, come spiega questo articolo di Mario Lettieri e Paolo Raimondi.

Vedi anche

Altri articoli