Renzi: “Ricostruiremo tutto. L’Italia sa dare il meglio”

Terremoto
Italian premier Matteo Renzi meets some rescuers in Amatrice (Rieti) central Italy, 24th august 2016. ANSA/ CHIGI PALACE PRESS OFFICE-TIBERIO BARCHIELLI
+++EDITORIAL USE ONLY - NO SALES+++

Il Premier Renzi dopo il sisma fa un bilancio e spiega come il Paese affronterà l’emergenza

“Affetto, solidarietà e vicinanza. Un messaggio di compassione, di vivere assieme questo momento di difficoltà di tutto il Paese. Siamo in presenza di una risposta immediata e puntuale dello stato, che non riuscirà a restituire il sorriso a chi sente di aver perso tutto, ma deve essere significativa perchè noi siamo l’Italia”. Lo ha detto il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, durante le dichiarazioni alla stampa a Palazzo Chigi aggiungendo: “Noi ricostruiremo tutto, la case, le chiese, gli esercizi commerciali. Noi vogliamo che Norcia abbia un futuro”.

“E’ il terremoto più grave dal 1980. Più grave dell’Irpinia, dell’Aquila, delle Marche. Siamo confortati dal fatto che al momento non risultano vittime, anche se continuano gli accertamenti e fino all’ultimo manteniamo la nostra attenzione anche sul numero dei feriti”.

“Tante persone sono scese in strada e hanno pensato a mettere in salvo i bambini. E’ fondamentale che arrivi un messaggio di solidarietà, vicinanza e compassione. Bisogna soffrire insieme in questa terribile pagina per il nostro Paese”.

Poi la parte operativa su come affrontare l’emergenza: “Domani riuniremo il Consiglio dei ministri”, coinvolgendo nelle decisioni “i presidenti delle Regioni, Vasco Errani e Curcio per condividere le decisioni”. In questo momento lancio “un appello alle forze politiche ad evitare polemiche e divisione”, ha aggiunto il premier.

“E’ fondamentale che tutti insieme, senza polemiche, si vada avanti -ha spiegato il premier-. Mi auguro che tute le forze di maggioranza e opposizione capiscano che va bene litigare su tutto, ma questo è il momento di essere uniti per l’Italia, per chi vive nel terrore del futuro. Dobbiamo fare del nostro meglio per far sentire forte il nostro abbraccio”. Renzi ha aggiunto: “Su questo non si scherza. Chi pensa di fare polemica politica a tutti i costi guardi alla chiesa crollata, allo sgomento per i crolli, pensi a chi ha perso la vita, si metta una mano sulla coscienza e metta tutti in grado di fare un lavoro condiviso e congiunto: c’è in ballo l’Italia e non i singoli partiti politici”.

Vedi anche

Altri articoli