Renzi: “Dopo il Sì alla riforma dovrà cambiare anche l’Ue”

Referendum
Il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, durante il suo intervento al teatro Politeama di Lecce, 09 settembre 2016.
ANSA/UFFICIO STAMPA PALAZZO CHIGI-TIBERIO BARCHIELLI
+++EDITORIAL USE ONLY - NO SALES+++

Il premier attacca il fronte del No: “Il loro obiettivo è riprendersi il governo che gli abbiamo tolto perché non erano in grado di cambiare il Paese”

Fare le riforme in Italia per chiedere una riforma dell’Europa. Il premier Matteo Renzi, in tour in Sicilia per la campagna a sostegno del Sì al referendum, alza la posta dell’appuntamento elettorale del 4 dicembre e, parlando a Trapani, dice che la riforma costituzionale «non è il nostro traguardo, il nostro obiettivo, ma il punto di partenza per dire in Europa e nel mondo che l’Italia è più semplice. Mi servirà per dire che in Europa servono riforme strutturali». Un’Europa che «apre la bocca ma chiude le porte», al contrario di quanto accade in Sicilia. Un’Europa alla quale «al prossimo giro non daremo tutti i soldi di adesso in questo modo», avverte.

 

Continua a leggere

Vedi anche

Altri articoli