Tensione alla Camera, Renzi a Brunetta: “Ho parlato del nulla? No, non parlavo di lei”

Politica

Nell’aula di Montecitorio lo scontro verbale tra Brunetta e il premier Renzi

Durante le comunicazioni del Presidente del Consiglio in occasione del prossimo Consiglio europeo, il capogruppo di Forza Italia ha respinto la proposta avanzata da Renzi al Parlamento, di instaurare dei gruppi di lavoro sulla riforma della Ue in vista di Roma 2017: “Si metta tranquillo, signor presidente del Consiglio, lei non ci sarà nel 2017. A meno che qualcuno non stia cercando la colla austriaca, quella che chiudeva male le buste e a causa della quale venne rinviato il ballottaggio in Austria. Sta cercando anche lei la colla austriaca per rinviare il referendum in Italia?”.

La replica del presidente del Consiglio non si è fatta attendere e ha scatenato la bagarre: “Brunetta ha detto che ho parlato del nulla. No, onorevole Brunetta, non parlavo di lei“. I toni si sono mantenuti accesi per tutta la durata della replica, con grida e anche l’invito di un deputato a Renzi perché “si faccia sotto…”. Ecco, ha risposto Renzi, “questo è il vostro senso di democrazia…”.

Il presidente del Consiglio ha poi continuato sul filo dell’ironia: “Brunetta deve essere giù di morale per l’ennesima mancata assegnazione del Nobel…Credo, onorevole Brunetta, che l’intervento che ha fatto il governo in questa Aula, abbia offerto a tutti i gruppi una opportunità di confrontarsi. Roma 2017 vede il lavoro di gruppi politici di varia espressione culturale, ho detto vediamo se in questo Parlamento esiste la possibilità di arrivare a un progetto su Roma 2017. Questo tema avrebbe meritato accoglimento diverso da parte sua. Io confermo questa richiesta, cioè la disponibilità del governo italiano, nonostante i toni utilizzati. Che ci sia io o un altro, Roma 2017 avrà una Italia che dovrà essere protagonista. E lei fa perdere una occasione al suo partito, che a livello europeo dovrebbe avere un ruolo rilevante”, ha concluso Renzi.

Vedi anche

Altri articoli