Regionali: Francia al voto, spauracchio Le Pen. Ecco gli ultimi sondaggi

Francia
Leader of the French far-right political party, Front National (National Front), Marine Le Pen (L), and candidate for the Northern Nord-Pas-de-Calais Picardie region embraces Marion Marechal-Le Pen, candidate for the Provence-Alpes-Cote d'Azur (PACA) region, during a campaign rally speech ahead of the upcoming second round of the French regional elections, in Paris, France, 10 December 2015. France's National Front party made big regional gains in the first round of the regional elections, sparking a backlash of political turmoil and prompting French Prime Minister Manuel Valls to call upon left-wing Parti Socialist (PS) voters to re-direct their votes in the second round for right-wing Les Republicains party candidates in a bid to oust a National Front advance. ANSA/IAN LANGSDON

Sarà una battaglia serrata, toni molto (forse troppo) accesi. Valls: “Con la vittoria del Front National rischio guerra civile”

Aperte le urne francesi per il secondo turno delle elezioni regionali che potrebbe confermare o smentire l’exploit al primo turno dell’estrema destra del Front National. Si tratta di un test chiave in vista delle elezioni presidenziali del 2017. Spinto dai timori sui rifugiati in Europa e dalla eco degli attacchi dell’Isis a Parigi, il partito guidato da Marine Le Pen è risultato di maggioranza relativa dopo il primo turno, ma non è certo di vincere in nessuna delle 13 regioni che chiamano gli elettori al voto. Le prime stime arriveranno nel tardo pomeriggio.

Il partito socialista ha chiesto ai propri sostenitori di esprimersi a favore dei conservatori di Nicolas Sarkozy dove questi si giocano il seggio con l’estrema destra, ritirando il proprio candidato in due regioni. Venerdi’ scorso l premier Manuel Valls ha alzato i toni dello scontro, spingendosi a dire che “con la vittoria del Front National il Paese entrerebbe a rischio guerra civile“.

L’unica cosa certa è che sarà una gara serrata“, ha dichiarato l’analista politico Joel Gombin, uno specialista dell’estrema destra. Per l’analista ci sono molte incognite, tra cui l’affluenza. Gli ultimi sondaggi penalizzano Marine Le Pen attribuendole in Nord-Pas-de-Calais-Picardie il 47%, contro il 53% di Xavier Bertrand, dopo il ritiro del candidato socialista Pierre de Saintignon. Incertezza in Provence-Alpes-Cote d’Azur, il dove si attesterebbe al 51% Christian Estrosi contro il 49% di Marion Marechal Le Pen. Ma resta in Normandia l’incertezza maggiore: con il grande equilibrio tra il candidato della destra Hervé Morin e Nicolas Mayer-Rossignol (socialisti) e il Front National a rincorrere con 28% di Nicolas Bay. Altro testa a testa, in Ile-de France: Valerie Pecresse (destra) e il socialista Claude Bartolone.

Vedi anche

Altri articoli