Quella strana coincidenza tra lo sciopero Atac e la partita

Roma
13412140_1096592490422164_1862001626499955327_o

Lunedì mezzi fermi nella Capitale dalle 20.30, proprio mentre scende in campo la Nazionale agli Europei. A proclamare l’astensione del lavoro è stata l’Ugl

C’era una volta il weekend lungo. Quella particolare consuetudine dei sindacati dei lavoratori dell’Atac a fissare le giornate di sciopero subito prima o subito dopo il fine settimana, facendo imbufalire i cittadini romani costretti a fare i conti con l’assenza di bus e metropolitane per ragioni spesso ignote ai più, ma troppo facilmente collegate all’opportunità di godere di un comodo ponte per organizzare gite fuori porta o semplici riposi casalinghi. Sospetti maliziosi, perché se un lavoratore decide di rinunciare a un giorno di paga avrà sicuramente le sue ragioni. E però, perché non organizzarli mai il mercoledì, per esempio? I disagi resterebbero comunque, certo, ma almeno il rapporto tra macchinisti e utenti sarebbe meno compromesso.

In questi giorni, arriva la sorpresa. Il prossimo sciopero, promosso dal sindacato Ugl (storicamente vicino alla destra), è fissato sì per lunedì, ma solo per quattro ore, a partire dalle 20.30. Niente weekend lungo quindi. E però, l’astensione dal lavoro si intreccia curiosamente con il calendario degli Europei di calcio, alimentando nuovi sospetti. Lunedì alle 21 è previsto infatti il calcio d’inizio di Belgio-Italia, partita inaugurale per la nostra Nazionale. Difficile perdersela.

A stigmatizzare la coincidenza è il candidato a sindaco del Pd, Roberto Giachetti, che ribadisce proprio la necessità di creare un clima diverso nei rapporti tra i lavoratori e gli utenti.

Scrivi la tua opinione su Unità.tv

Vedi anche

Altri articoli