Quel renzismo alcolico al bar dei Giovani dem milanesi

Festa de l'Unità
chiringufo-hp

Il “Cheringufo” propone cocktail che mettono insieme la nouvelle vague democratica con il vetero-comunismo sovietico: dal “Fassinachi?” al “patto del Nazareno” c’è da ridere e da bere per tutti

INVIATO A MILANO – L’idea è nata in un giro di messaggini su Whatsapp. Come chiamiamo il nostro bar alla festa? Nella capitale morale dell’aperitivo, il punto di partenza è stato quello di richiamarsi al chiringuito, il chioschetto per la vendita di bibite, che qui a Milano – capitale morale dell’aperitivo – è anche il nome di uno storico locale molto frequentato dai giovani.

Ma questi non sono solo giovani, sono anche democratici. E allora il chiringuito diventa in quattro e quattr’otto il Cheringufo, per di più scritto in caratteri pseudo-cirillici. Un misto di vetero-comunismo sovietico e di renzismo spinto che trova la sua massima realizzazione nella lista dei cocktail alcolici (i chupiti), che saranno proposti a partire da domani (“ci mancano ancora un po’ di alcolici…”) dai Giovani dem milanesi che gestiscono lo stand agli avventori della Festa de l’Unità.

Si passa così dal “Novosibirsk” (come la più grande città siberiana) al “Gulag”, passando per il “Frattocchie” e arrivando fino al “Varoufakis” e perfino al “2 marò” (scelta discutibile quest’ultima). Il renzismo alcolico trionfa invece nel “Fassinachi?” (un potente mix di vodka, tequila e rum) e nello “#staisereno”, con quella punta di tabasco (con tequila e sambuca) che brucerà ancora nello stomaco di Enrico Letta. E ci sono anche il “patto del Nazareno” (tra gli ingredienti c’è lo Jagermaister, come a dire “non so perché…”), il “figlio di Troika”, il “te lo dico da amico” dedicato ad Antonio Razzi, il “Formigoni” (con il liquore alla banana e la panna montata) e i para-leghisti “Pontida” e “ruspaaa!”.

guerini-festaIn attesa che siano disponibili i cocktail, a visitare il bar dei Gd milanesi è arrivato oggi anche il vicesegretario Lorenzo Guerini, che si è limitato a bere una più sobria birretta, prima di completare il tradizionale giro degli stand.

Vedi anche

Altri articoli