Quel “poteva morire” che rovescia il nostro immaginario

Politica
berlusconi222

Impossibile dire quali saranno le conseguenze: ma ora è l’ora dell’augurio di pronto ristabilimento

Era tutto troppo strano: lo si è capito solo poche ore fa. Il malore di Berluscomi non era un “malore”. Il suo cerchio magico ha reagito come i vecchi politburo del Pcus, quando dicevano che il Segretario Generale aveva un raffreddore mentre quello aveva una cosa seria.

L”indizio è venuto stranamente da Renzi, a Otto e mezzo, con una frase che sembrava fuori luogo – “è fuori pericolo”: dunque il pericolo c’era stato? Sì, c’era stato, e serio. L’Italia lo ha saputo solo giovedì pomeriggio dalla voce del suo medico di fiducia, il professor Zangrillo – faccia già nota al grande pubblico all’epoca della statuetta in faccia – che senza giri di parole ha detto la frase più forte dell’anno: “Ha rischiato di morire”.

E ora? Ora lo aspetta un’operazione senza pericoli ma “importante“, come dicono i medici. A 81 anni un intervento a cuore aperto non è uno scherzo, e infatti Zangrillo ha previsto una riabilitazione non breve, prima di pronunciare parole che possono cambiare la storia politica italiana: “Gli sconsiglio di fare attività politica”.

Ci sarà tempo per ragionare su un quadro politico che dovesse restare privo di un protagonista come Berlusconi. Una circostanza semplicemente inimmaginabile fino a a poche ore fa e che tuttora viene istintivo escludere. Ma certo quel “ha rischiato di morire” pronunciato dal suo medico rovescia come un guanto l’immaginario di tutti coloro – politici, osservatori, amici, avversari – che si occupano di politica da 25 anni.

Difficile pensare a cosa potrà succedere dentro Forza Italia, dove da tempo si giocano varie partite e i contrasti fra i diversi berlusconiani sono noti a tutti, così come è difficilissimo valutare eventuali contraccolpi sul quadro politico, dato che malgrado le apparenze fino a ieri Berlusconi ha giocato un ruolo assolutamente fondamentale (chiedere a Giorgia Meloni, da ultimo).

A tutto questo si penserà dopo. Ora per tutti è il momento del doveroso augurio di pronto ristabilimento.

Vedi anche

Altri articoli