Pupo, concerto a Kiev interrotto per una mega rissa (al femminile)

Musica
schermata-11-2457723-alle-17-56-27

Per sedare gli animi, oltre alle forze dell’ordine, è dovuto scendere dal palco anche il cantante, impegnato in questi giorni nel “Pupo Tour 2016 Ukraine & Moldova”

Negli anni la storia di Enzo Ghinazzi, in arte Pupo, si è andata arricchendo di particolari scabrosi e vicende sopra le righe degne dell’epopea di una rockstar maledetta, e ancor più bizzarre se sovrapposte all’immagine rassicurante del cantante toscano. Dalla sua vociferata appartenenza alla massoneria, alla dipendenza per il sesso, passando per la febbre per il gioco d’azzardo, l’artista che era stato capace di dare del tu a un gelato al cioccolato (tra le sue hit più ricordate, scritta con lo zampino di Cristiano Malgioglio) non si è fatto mancare davvero nulla durante la sua vita.

Fresco dell’uscita del nuovo lavoro, “Porno contro amore”, Enzo Ghinazzi sta affrontando in questi giorni il “Pupo Tour 2016 Ukraine & Moldova” che lo terrà impegnato fino al 5 dicembre; ed è proprio in occasione del suo concerto andato in scena ieri sera al teatro October Palace di Kiev che si è consumato l’ennesimo bizzarro fatto di cronaca che lo coinvolge. Durante lo show, infatti, sulle note del brano “La Notte”, è montata un’accesa rissa tra gli spettatori, nata dall’alterco tra due signore che hanno ben presto abbandonato le buone maniere per venire alle mani e darsele di santa ragione. Con l’intervento dei rispettivi mariti e il progressivo coinvolgimento di altri spettatori, la situazione è rapidamente degenerata. Colpevole di aver innescato la miccia della lite pare sia stato il figlio di una delle due donne, reo di tenere la suoneria del proprio telefono troppo alta.

I media locali riferiscono che, oltre all’intervento delle forze dell’ordine, sia stato lo stesso Pupo ad adoperarsi personalmente per sedare gli animi, interrompendo la propria esibizione e scendendo giù dal palco per calmare le due scatenate fan; e chissà che non abbia fatto leva sulla sua esperienza di vita familiare, impostata su una manifesta e pacificata bigamia.

Vedi anche

Altri articoli