“Pronto? Basta un Sì”: nel week end telefonate casa per casa sul referendum

Referendum
scheda-referendum

I volontari pronti a fare migliaia di chiamate nel week end per informare i cittadini sul quesito referendario

In attesa della lettera agli italiani del premier Matteo Renzi che verrà recapitata alle famiglie negli ultimi 10 giorni della campagna referendaria, arriveranno nel fine settimana le telefonate casa per casa. Sabato e domenica i volontari dei comitati locali di Basta un Sì sono mobilitati per una campagna telefonica capillare in tutta Italia. Spiegare la riforma e convincere sulle ragioni del Sì.

Centinaia di migliaia di telefoni pronti a squillare nel week end: solo a Bologna, come si leggeva nelle cronache locali nei giorni scorsi, i volontari sono pronti a 140mila chiamate. Nel capoluogo emiliano si attingerà ai numeri a disposizione grazie all’albo degli elettori delle primarie del centrosinistra: si tratta di circa 70mila numeri fissi e 70mila cellulari.

Stessa cosa a Cesena dove i numeri in possesso dei dem sono 16mila. E comunque, database a parte, si può sempre attingere al vecchio elenco telefonico.

I volontari avranno un ‘copione’ per la chiamata: “Lei lo sa che il 4 dicembre si vota per il referendum costituzionale? Sa qual è il seggio dove deve andare a votare?”. A queste domande poi seguiranno quelle specifiche sulla riforma con risposte pronte a sminare eventuali dubbi e perplessità dei cittadini.

Proprio per questo, sempre a Bologna ad esempio, per il ‘call center’ di Basta un Sì sono stati selezionati degli studenti di Giurisprudenza in modo che abbiano maggiore confidenza con la materia. L’operazione si ripeterà nel prossimo fine settimana, l’ultimo prima del voto del 4 dicembre, e non è escluso che nella campagna vengano coinvolti big del Pd. Magari con un bis di: “Pronto? Sono Maria Elena”. Il ministro Boschi diede una mano con le telefonate ai romani per la campagna di Roberto Giachetti alle ultime amministrative.

(Fonte: adnkronos)

Vedi anche

Altri articoli