Primarie Usa: Hillary vince la nomination tra i democratici

Usa2016
APTOPIXDEM2016ClintonJPEG-06664_1465266226-kbcD-U1080648705659jfC-1024x576@LaStampa.it (1)

Oggi si svolgeranno le primarie in 6 Stati

Hillary Clinton avrebbe già ottenuto il numero di delegati sufficiente per ottenere l’investitura democratica per la Casa Bianca, prima delle primarie di oggi in quattro Stati, tra cui la California, secondo un conteggio dell’Associated Press e dell’emittente Nbc.

Ma il suo avversario Bernie Sanders ha immediatamente reagito, negando questo risultato e spiegando in un comunicato che Hillary Clinton non può rivendicare l’investitura prima del voto alla convention democratica di luglio. Secondo i conti fatti dai due organi di stampa, Clinton avrebbe già ottenuto la maggioranza dei 2.383 delegati necessari.

“Siamo lusingati, AP, ma abbiamo ancora delle primarie da vincere”, è stato il commento della stessa Clinton su Twitter. Per la verità, la reazione di Clinton alle stime dell’Ap è stata piuttosto cauta. Subito dopo le prime indiscrezioni sulla vittoria già in tasca, il direttore della campagna della candidata democratica ha provato a gettare acqua sul fuoco.

“E’ una tappa importante, ma sei Stati voteranno oggi, con milioni di persone che si recheranno alle urne, e Hillary Clinton si adopererà per conquistare altri voti”, ha commentato Robby Mook. Parole non sufficienti a calmare le acque, al punto che Clinton stessa si è sentita in dovere di intervenire. Lo ha fatto su Twitter e con una dichiarazione a Long Beach, a Los Angeles.

“Siamo lusingati, AP, ma abbiamo ancora delle primarie da vincere”, è stato il commento sul social network. “Secondo alcune informazioni, siamo alla soglia di un momento storico e senza precedenti. Ma abbiamo del lavoro da fare. Abbiamo sei elezioni da fare e ci batteremo per ciascun voto, soprattutto qui in California”, ha aggiunto.

Intanto, potrebbe scendere ufficialmente in campo anche Barack Obama, che sarebbe pronto a un endorsement per l’ex segretaria di Stato. Per il momento, l’attuale inquilino della Casa Bianca si è limitato a una lunga conversazione telefonica con Sanders, domenica, durante la quale si è discusso dell’unità del partito. Sanders, al momento, ha 800 delegati in meno della sua avversaria. Oltre alla California, che garantisce 546 delegati, oggi si voterà anche in New Jersey (142 delegati), New Mexico (43 delegati), Montana (27 delegati) Nord e Sud Dakota.

Vedi anche

Altri articoli