Live Blog: il racconto delle primarie minuto per minuto

Amministrative
La scheda per le primarie nel gazebo di via Donna Olimpia 6 Marzo 2016 a Roma
ANSA/MASSIMO PERCOSSI

L’affluenza premia ancora una volta i gazebo. Nelle principali città, vincono i candidati della maggioranza interna al Pd. Il nostro racconto

00.25 Chiudiamo qui la nostra diretta. I dati politici che emergono dalle primarie di oggi ci sembrano essenzialmente due.

Il primo riguarda l’affluenza: i dati sono stati ovunque straordinari e al di sopra delle aspettative. Qualche polemica toccherà ancora nelle prossime ore il risultato di Roma, con la minoranza che ha già iniziato a contestare la scarsa affluenza in città. I 50mila elettori che hanno affollato i seggi della Capitale sono certo ben lontani dalle passate esperienze, ma fa riflettere in tal senso il risultato nettamente al di sotto delle aspettative di Morassut, sostenuto da (evidentemente ex) uomini forti della sinistra cittadina come Veltroni e Bettini, oltre che dalla sinistra bersaniana. È innegabile, quindi, che buona parte del bacino di voti che è venuto a mancare proviene proprio da lì.

E veniamo quindi al secondo dato. I candidati sostenuti dai dirigenti nazionali del Pd hanno vinto in tutte le principali città: Roma, Napoli, Trieste. Chi voleva approfittare di queste primarie per fare uno sgambetto a Renzi stasera tornerà a casa deluso. Il risultato della Capitale da questo punto di vista è clamoroso, ma anche a Napoli la pur interessante scommessa sul giovane Sarracino si è fermata troppo lontana dalla coppia di testa.

Ora gli occhi saranno puntati sulle amministrative di giugno. Sperando che i primi segnali di persistenti attriti interni arrivati già stasera non proseguano e che il partito si possa presentare unito alla sfida con il centrodestra e il M5S.

0.08 Tra le prime parole pronunciate da Giachetti al suo comitato elettorale, l’invito rivolto al Pd a fare “una lista di persone pulite, belle e capaci”. Ecco l’arrivo del vincitore al suo comitato e le parole di Roberto Morassut raccolte da Cristiano Bucchi.

 


0.00 Risultati definitivi anche a Grosseto: il candidato sindaco sarà Lorenzo Mascagni, che ha ottenuto 3.576 voti, battendo Paolo Borghi con 2.931.

23.53 Risultati definitivi a Benevento: vince Raffaele Del Vecchio con 3.489 voti, contro i 1.834 di Cosimo Lepore

23.46 Dal comitato di Roberto Giachetti, ecco le interviste che il nostro Cristiano Bucchi ha realizzato a Luciano Nobili e Lorenza Bonaccorsi

 

 

 

 

 

23.41 Il tweet del vicesegretario del Pd

   

23.38 Quando manca un solo seggio al Vomero, ecco i dati delle primarie di Napoli: Valente 13.250, Bassolino 12.650, Sarracino 3.260, Marfella 1.036

23.32 La minoranza Pd, che sosteneva la candidatura di Morassut, contesta la scarsa affluenza alle primarie della Capitale. “Il dato di Roma è basso e non è né serio né consolatorio usare la formula di rito ‘mi aspettavo peggio’ senza avere prima del voto dichiarato quale sarebbe stata la soglia minima di soddisfazione – è il commento di Miguel Gotor -. La scarsa affluenza ci dice che il Pd di Roma non paga solo Mafia Capitale, ma le discutibili modalità ‘notarili’ che hanno portato alla defenestrazione del sindaco Marino e la condotta ‘commissariale’ di quest’ultimo anno del partito che ha creato grande malcontento tra gli iscritti del Pd e disaffezione fra gli elettori del centrosinistra romano”.

23.20 I primi risultati ufficiali a Roma confermano quelli ufficiosi già trapelati. In 48 sezioni scrutinate su 197, Giachetti è al 66,16%, Morassut al 27,52%, Rossi 3,32%, Ferrari 1,5%, Pedica 1,39%, Mascia ultimo con lo 0,78%. Dal comitato del vincitore, però, fanno sapere che le proiezioni darebbero Giachetti intorno al 70%.

23.18 Molto più corretto rispetto al ‘collega’ napoletano Roberto Morassut, che riconosce immediatamente la sconfitta e ‘lancia’ Giachetti: “L’esito della consultazione è chiaro e vede prevalere Roberto Giachetti. Come già detto nel corso della competizione, sosterrò da subito Roberto come candidato unitario del centrosinistra”. E annuncia che tra poco andrà al comitato dell’avversario per “festeggiare insieme a lui”.

23.16 Bassolino ha fatto sapere che non andrà alla sede del comitato delle primarie napoletane per incontrare la vincitrice Valeria Valente, ma commenterà i risultati dal suo comitato e poi tornerà a casa. Non certo una lezione di stile da “don Antonio”. Intanto ecco il clima in “casa” Valente.

23.10 “A Roma il centrosinistra riparte da questa domenica piovosa: con le primarie ha giocato d’azzardo e, con tutti i problemi, ha vinto la scommessa”. Lo scrive Mario Lavia nel suo commento a caldo sulle primarie capitoline.

23.04 Morassut è stato battuto anche nel suo seggio di Grottaperfetta: Giachetti ha conquistato qui 299 preferenze contro le 242 del “padrone di casa”. Il risultato complessivo ormai viene dato per certo.

22.58 Anche a Napoli il risultato si consolida. E adesso al comitato elettorale di Valeria Valente si inizia a festeggiare. È la stessa candidata ad annunciare la vittoria: “Napoli ha scelto di guardare avanti con una nuova classe dirigente. Grazie a tutti i cittadini. E ora tutti insieme nel centrosinistra per tornare al governo della città”.

22.45 Le prime indiscrezioni a Roma parlano di un netto vantaggio di Roberto Giachetti su Roberto Morassut. I votanti nella Capitale sono stati circa cinquantamila. Dai primi seggi scrutinati il suo risultato sullo sfidante sarebbe di oltre il 40%. Al suo comitato già si preparano i festeggiamenti.

22.44 Con l’80% dei seggi scrutinati, Valente ha poco più di mille voti di vantaggio su Bassolino.

22.41 Il commento di Lorenzo Guerini, vicesegretario del Pd: “A Napoli risultato di affluenza molto positivo: 30.000 votanti contro i 16.500 dello scorso anno per le regionali, un bel segnale di partecipazione e passione. A Roma un ottimo risultato dopo tutto quello che è successo”.

22.20 Valente in recupero, ora alcuni dati la indicano in vantaggio. Sarà un testa a testa che andrà avanti fino agli ultimi seggi.

22.15 A Trieste si profila ormai con pochi dubbi la vittoria di Roberto Cosolini, sindaco uscente sostenuto dai vertici nazionali e locali del Pd. Dai dati giunti finora, Cosolini starebbe addirittura quasi doppiando l’avversario Francesco Russo.

22.10 “Il bilancio che faccio è che solo sei mesi fa sembrava che la partita di Roma fosse chiusa e che l’esito del voto fosse scontato e in mano ai grillini. Il lavoro che abbiamo fatto insieme agli altri candidati, a distanza di sei mesi dimostra che la partita è assolutamente aperta. E quindi avremo tre mesi in cui potremo giocarcela e vincere”. Lo ha detto Roberto Giachetti arrivando alla ex Dogana di San Lorenzo, da dove seguirà lo spoglio.

22.05 Notizie in controtendenza arrivano dal comitato di Valeria Valente: la candidata sarebbe avanti con il 46,7%, contro il 41% di Bassolino.

22.03 Si conferma l’affluenza record a Benevento (5.421 votanti) e Trieste (6.864) alla chiusura dei seggi.

21.56 Il vantaggio di Bassolino sembra consolidarsi man mano che procede lo spoglio. Ma è ancora troppo presto per parlare di risultato acquisito.

21.48 Primi parzialissimi risultati

21.45 Per fare qualche confronto, i 30mila elettori previsti per le primarie di oggi a Napoli superano sia 16.308 dello scorso anno per le regionali (vinte da Vincenzo De Luca), sia 20.010 delle parlamentarie 2012. Rimane lontano invece il dato delle ultime comunali, quando il derby tra Cozzolino e Ranieri portò ai gazebo 45mila elettori. Ma, si ricorderà, quel risultato non fu mai ufficializzato e la sfida fu annullata a causa dei forti sospetti di irregolarità.

21.31 C’è già un vincitore nel SuperSunday del centrosinistra: Renzo Caramaschi sarà il candidato a sindaco a Bolzano. Il risultato ufficiale arriverà solo domani, ma il comitato ha già fatto trapelare i dati ufficiosi. Caramaschi ha ricevuto 762 voti, contro i 726 di Sandro Repetto, i 181 di Alessandro Huber e i 110 di Cristina Zanella.

21.29 Valeria Valente e Antonio Bassolino, i due favoriti delle primarie napoletane, sono entrambi nei loro comitati elettorali. Seguiranno da lì lo spoglio delle schede. Intanto il comitato fa sapere che il dato finale sull’affluenza confermerà le previsioni di circa 30mila votanti.

20.55 Suore democratiche votano a Napoli, dove mancano 5 minuti alla chiusura dei seggi

20.32 “C’è chi aveva previsto un’ecatombe, chi decine di brogli, chi si era affidato alla metereologia avversa. Chi in queste settimane ha tentato in tutti i modi di speculare sul corretto svolgimento delle nostre primarie è stato smentito dai numeri”. Lo dichiara Valentina Paris, responsabile enti locali del Pd.

20.29 Inizia lo spoglio a Bolzano. Alla chiusura delle urne alle 20, sono stati 1.791 i votanti.

20.16 A Grosseto si punta ad arrivare a 6.000 votanti alle 22, quando si chiuderanno i seggi. Alle 17 erano state circa 4.000 le schede depositate nelle urne.

20.08 A Napoli il sistema elettronico per evitare i brogli non ha avuto molto successo, tra seggi in cui non c’era rete sufficiente a farlo funzionare e altri in cui i tablet si sono scaricati e non c’era una presa elettrica per ricaricarli.

20.04 La difficoltà a raccogliere i dati sugli affluenti nella Capitale è dovuta al maltempo. Come spiega il Comitato promotore, infatti, “sono decine i gazebo rimasti al buio dopo la forte pioggia caduta all’improvviso su Roma. I volontari in queste ore sono impegnati a ripristinare i seggi elettorali e riavviare la macchina delle primarie”.

19.40 A Benevento alle 18, quasi 4.100 votanti. In passato, non era mai stata superata quota 3.500.

19.30 “Tra le 17 e le 18 eravamo a 35-40 mila votanti, stiamo ultimando i conteggi”. È quanto fanno sapere gli organizzatori delle primarie nella Capitale. Mentre il comitato di Morassut fa un ultimo appello agli elettori per andare a votare, ritenendo la partecipazione registrata finora “non soddisfacente”.

19.20 A Bolzano, 1.678 votanti alle 19.

19.05 Arriva il dato ufficiale di Napoli: alle 18 i votanti sono stati circa 23mila.

19.03 A Trieste nel 2010 le primarie videro la partecipazione di 4.382 elettori. Oggi quel dato è stato già abbondantemente superato alle 18. Si vedrà se l’alta affluenza avrà favorito l’uscente Cosolini, appoggiato ufficialmente dai vertici del partito, o lo sfidante Russo.

19.00 Prima indiscrezioni anche da Napoli sull’affluenza nel pomeriggio: sarebbero stati superati i 20mila votanti, con una proiezione che porterebbe verso i 30mila alla chiusura dei seggi 18.25 A Trieste i votanti alle 18 si attestano a quota 5.501, al di sopra delle aspettative. Solo indiscrezioni per il momento da Roma, dove si dà per certo che alle 17 sia stata superata quota 30mila. E non mancano i vip…

18.10 Arrivano i dati dell’affluenza da Bolzano: alle 17 i votanti erano 1.343. A Benevento, alle 13 erano stati circa 2mila.

18.00 Almeno a Roma, non si ripeteranno le polemiche relative alla partecipazione di immigrati ai seggi delle primarie. Secondo quanto fanno sapere gli organizzatori, nel centro storico sono stati solo 38 i cittadini stranieri residenti nella Capitale che si sono pre-registrati (quasi tutti all’Esquilino) e fino al primo pomeriggio nessuno di loro era andato a votare.

17.00 Inizia il nostro liveblogging per le primarie del centrosinistra, che andrà avanti fino a conoscere l’esito del voto. Il primo dato da segnalare riguarda l’affluenza: come abbiamo scritto nel dettaglio, sembra essere scongiurato il rischio di un flop di partecipazione, che allarmava alla vigilia i dirigenti dem. A Roma, alle 11 erano già circa 20mila i partecipanti. Ma i primi segni positivi erano emersi già in mattinata, con il commissario dem nella Capitale, Matteo Orfini, che ne approfittava per fare qualche confronto con gli avversari:

  Tutto fila liscio quindi nella Capitale, nonostante alcuni seggi delle primarie siano stati oggetto di atti vandalici, che non hanno comunque impedito la corretta apertura alle 8. Il voto proseguirà fino alle 22. Ecco il momento in cui hanno votato i due favoriti, Roberto Giachetti e Roberto Morassut.    

 

 

 

 

 

Ai rispettivi seggi sono già stati anche gli altri candidati: Chiara Ferraro, Stefano Pedica, Domenico Rossi e Gianfranco Mascia (con tanto di orso).

 

 Qualche problema, stavolta di natura tecnica, non ha fermato nemmeno gli organizzatori delle primarie a Napoli: qui alle 14 l’affluenza segnava quota 9.500 votanti. In alcuni seggi non ha funzionato correttamente, a causa dell’assenza di rete, l’app anti-brogli che era stata appositamente progettata e così si è andati avanti con i vecchi metodi. Nel capoluogo campano i seggi chiuderanno alle 21. Presenza low profile sui social da parte di tutti i candidati in giornata:

 

 

L’altro capoluogo di regione al voto è Trieste, dove alle 12 avevano votato in 2.323. La chiusura dei seggi è fissata per le 20. Qui a sfidarsi sono il sindaco uscente Roberto Cosolini e il senatore Francesco Russo. In uno dei seggi, a fare da scrutatore c’è il presidente dei deputati dem Ettore Rosato.

Tra gli altri comuni in cui si svolgono le primarie, occhi puntati su quelli capoluogo di provincia: Bolzano, Grosseto e Benevento.

Vedi anche

Altri articoli