Primarie, allarme Clinton: se Biden si candida Hillary rischia grosso

Usa2016
SCRANTON, PA - OCTOBER 12: Democratic vice presidential candidate U.S. Senator Joe Biden (D-DE) and U.S. Sen. Hillary Clinton (D-NY) smile at a rally in support of Democratic presidential nomineee U.S. Sen. Barack Obama (D-IL)October 12, 2008 in Scranton, Pennsylvania. With family ties to Scranton, both Biden and Clinton have teamed up to rally supporters in Pennsylvania before moving on to campaign for Obama in battleground states. (Photo by Jeff Fusco/Getty Images)

Un sondaggio rivela che secondo gli americani il vicepresidente vincerebbe contro tutti i candidati repubblicani, a differenza della Clinton

E’ sempre più fluida la situazione negli Stati Uniti in vista delle primarie che designeranno i candidati alle elezioni presidenziali del 2016 sia in campo democratico che repubblicano. Il sondaggio settimanale pubblicato da Nbc News e Wall Street Journal rileva un deterioramento del gradimento dei due principali favoriti, Hillary Clinton e Donald Trump.

Nel Grand Old Party l’afroamericano Ben Carson ha ormai raggiunto il milionario Trump che si mantiene comunque in testa con un solo punto di vantaggio (21% contro 20% di Carson), seguiti da Marco Rubio e Carly Fiorina all’11%. Tra i democratici, la vera variabile è rappresentata dalla decisione o meno di scendere in campo da parte dell’attuale vicepresidente Joe Biden. L’apprezzamento dell’elettorato liberal per Hillary Clinton è in caduta libera, arrivando a perdere ben sedici punti percentuali in tre mesi (da 92% a 76%) e soprattutto assistendo al progressivo assottigliarsi del vantaggio sul principale sfidante Bernie Sanders (a giugno era avanti di 60 punti, oggi solo di 15 punti).

Tutto questo senza sapere ancora se il 73enne Joe Biden deciderà di candidarsi o meno. In questo senso, il sondaggio di oggi rileva alcuni dati interessanti. In primis il fatto che l’attuale vicepresidente otterrebbe migliori risultati alle presidenziali rispetto alla Clinton contro quattro dei maggiori candidati repubblicani: Jeb Bush, Ben Carson, Carly Fiorina e Donald Trump. Biden batterebbe tutti gli avversari e lo scarto minore sarebbe contro l’ex amministratrice delegata di Hewlett Packard, con un margine di 6 punti percentuali (47% contro 41%).

Clinton, invece, vincerebbe con un margine significativo contro Trump, perderebbe per un punto contro Carson e Fiorina e vincerebbe, con lo stesso distacco minimo, contro Bush. Persino Bernie Sanders farebbe meglio di lei contro Trump: il senatore del Vermont vincerebbe con uno scarto di 16 punti, Clinton con 10 punti e Biden con 20 punti percentuali. Nel complesso, a livello nazionale Clinton rimarrebbe in testa nella corsa per le primarie ma con un margine sempre più ridotto.

(Nel video Hillary Clinton parla della “decision” di Joe Biden durante un appuntamento elettorale in Iowa)

Vedi anche

Altri articoli