Pink Floyd, arriva a Londra la mostra definitiva

Musica
Schermata 09-2457634 alle 12.33.27

Verrà ospitata dal Victoria and Albert Museum di Londra, dal 13 maggio fino al primo ottobre 2017: gli organizzatori la definiscono “un’esperienza multisensoriale”.

Schermata 09-2457634 alle 12.32.10Nel 2017 Arnold Layne, il primo singolo dei Pink Floyd scritto da Syd Barret compirà 50 anni. Il brano fu pubblicato nel 1967 e nel booklet del disco la EMI si premurò di inserire un avvertimento: “I Pink Floyd ignorano cosa la gente intenda con pop psichedelico e non vogliono produrre effetti allucinatori sul loro pubblico”. Da allora ne è passata di acqua sotto i ponti, e per celebrare il cinquantenario di una delle band più rappresentative della storia del rock, dal 13 maggio fino al primo ottobre 2017 il Victoria and Albert Museum di Londra ospiterà una retrospettiva dedicata al gruppo.

The Pink Floyd Exhibition, questo il nome della mostra, è un ulteriore passo verso la “canonizzazione museale” della musica rock, iniziata con David Bowie e proseguita poi con la Exhibition dei Rolling Stones; ma stavolta gli organizzatori promettono oltre alle solite rarità audio e video una vera e propria esperienza mutisensoriale. La mostra è stata infatti ideata e allestita in collaborazione con i membri della band e ne segue lo straordinario percorso che dagli anni ’60 in poi, in un misto di psichedelia e surrealismo, ha contribuito a cambiare non solo la storia della musica ma anche la percezione e l’immaginario di un’intera epoca. Saranno proprio le immagini iconiche che hanno accompagnato la carriera della band a farla da padrone, in un tripudio visionario di maiali volanti, prismi riflettenti (come nella copertina di Dark Side of the Moon), schiere di martelli che marciano.

Tutti gli indizi lasciano intuire che lo spirito di questa Pink Floyd Exibition rimarrà fedele alle premesse dei concerti del gruppo, dei veri e propri viaggi interstellari attraverso l’universo della musica.

Vedi anche

Altri articoli