Pininfarina, un pezzo di storia industriale italiana se ne va in India

Economia
pininfarina

Il brand resterà italiano, ma con l’accordo punta ai mercati asiatici

Dopo 85 anni, uno dei simboli del design italiano verrà acquistato da una società indiana. Pininfarina verrà infatti ceduta a Mahindra: l’accordo è stato raggiunto dalla Pincar che ha firmato, d’intesa con le banche, un accordo di investimento con le società Mahindra & Mahindra e TechMahindra. L’intesa prevede l’impegno da parte del gruppo indiano di investire 20 milioni di euro mediante un aumento di capitale in Pininfarina entro la fine del 2016. 

La società indiana acquisterà tutte le azioni ordinarie Pininfarina detenute da Pincar per 1,10 euro per azione, per un totale di quasi 25 milioni. Le azioni saranno liberate dal pegno delle banche al closing. Mahindra lancerà poi un’opa sulle azioni rimanenti al prezzo di compravendita di quelle detenute da Pincar. L’azienda, ha fatto sapere l’ad di Pininfarina Silvio Angori, resterà comunque quotata alla Borsa di Milano anche dopo la chiusura dell’accordo.

“Il brand Pininfarina, un marchio molto iconico come Fiat, Ferrari e Vespa resta italiano, ma arriverà a livello globale grazie a Mahindra” ha dichiarato CP Gurnani, ceo di TechMahindra. Soddisfatto anche il presidente, Paolo Pininfarina, che ha dichiarato: “Sono le nostre radici, ma la Pininfarina sarà sempre più un designer globale. Questo accordo ci può dare opportunità di sviluppo e un ruolo di design globale anche in quei mercati dell’Asia di cui non è stato ancora sfruttato il potenziale”. 

Vedi anche

Altri articoli