Piero Melograni, storico “totale”. Una mostra a Montecitorio

Cultura
melograni

Qui gli scritti di Sabbatucci e Violante

Il 15 novembre Piero Melograni avrebbe compiuto 85 anni. Il grande storico ci ha lasciato tre anni fa, e in questo periodo alla Camera dei deputati è visitabile una mostra (ancora fino al 18) che testimonia parte del suo importante lavoro come studioso “totale” della storia, “totale” nel senso di portatore di una visione quanto mai complessa degli accadimenti umani, proprio come esige lo studio di questa materia.

Melograni lo conoscemmo personalmente quando era deputato, eletto con la “prima” Forza Italia, fiore all’occhiello intellettuale (insieme a Colletti, Mathieu, Urbani, Pera) di una forza politica ansiosa di apparire non solo come il partito di certi interessi economici ma anche in grado di rappresentare qualcosa di qualificato dal punto di vista intellettuale: ma si sa come andò, e Melograni stesso ne abbe presto contezza lasciando l’impegno nel partito di Berlusconi.

Qui due contributi importanti per rievocarne la figura. Il primo dello storico Giovanni Sabbatucci, e il secondo di Luciano Violante.

 

Vedi anche

Altri articoli