Perché è proprio oggi la giornata contro la violenza sulle donne?

Donne
12289691_990472020991750_1923636541934458688_n

La storia, terribile e crudele, delle sorelle Mirabal ha ispirato la ricorrenza celebrata in tutto il mondo

Aida Patria Mercedes, Maria Argentina Minerva, Antonia Maria Teresa Mirabal. Sono loro il motivo di questa ricorrenza tanto sentita e su cui ancora tanto c’è da fare.

Sono tre sorelle nate nella Repubblica Dominicana da una famiglia benestante, durante il periodo della dittatura di Rafael Trujillo. Contro la dittatura si spesero molto e combatterono con il nome di battaglia Las Mariposas (Le farfalle). La loro opera rivoluzionaria fu talmente efficace che lo stesso dittatore in una visita a Salcedo (la città originaria delle ragazze) esclamò: “Ho solo due problemi: la Chiesa cattolica e le sorelle Mirabal”.

Il 25 novembre 1960 Minerva e Maria Teresa decisero di far visita ai loro mariti detenuti in carcere come prigionieri politici.

Nonostante la pericolosità del viaggio, Patria, la sorella maggiore, decise di accompagnarle anche se il suo marito fosse rinchiuso in un altro carcere. Durante il viaggio le tre donne vennero prese in un’imboscata da agenti del servizio segreto militare, torturate e uccise; la loro macchina verrà gettata in un dirupo per simulare un incidente.

L’assassinio delle sorelle Mirabal provocò una grandissima commozione in tutto il paese, che pure aveva sopportato per trent’anni la sanguinosa dittatura, e risvegliò l’indignazione popolare che portò poi all’uccisione di Trujillo e alla sua detronizzazione.

L’unica sorella sopravvissuta, perché non impegnata attivamente, Belgica Adele detta Dedé, ha dedicato la sua vita alla cura dei sei nipoti rimasti orfani: Nelson, Noris e Raul, figli di Patria; Minou e Manuelito, figli di Minerva, che avevano perso il padre e la madre, e Jaqueline figlia di Maria Teresa, che non aveva ancora compiuto due anni.

Dedé esorcizzerà il rimorso per essere sopravvissuta alle amatissime sorelle dandosi il compito di custode della loro memoria: “Sopravvissi per raccontare la loro vita”. Nel marzo 1999 ha pubblicato un libro di memorie Vivas in su jardin dedicato alle sorelle, le cui pagine sono definite come “fiori del giardino della casa museo dove rimarranno vive per sempre le mie farfalle”.

La loro vita è stata narrata anche dalla scrittrice dominicana Julia Alvarez nel romanzo Il tempo delle farfalle (1994), da cui è stato tratto nel 2004 il film di Mariano Barroso In The time of Butterflies, con Salma Hayek.

La loro storia, terribile e crudele, ha ispirato l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, che nel 1999 dichiara il 25 novembre Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne proprio in loro memoria.

Vedi anche

Altri articoli