Perché i parlamentari prendono lo stipendio?

Politica
la_scuola_di_atene1

Le ragioni storiche della diaria parlamentare: non un privilegio ma una necessità

Tagliare gli stipendi dei parlamentari? Se ne parla molto ultimamente ma, come spesso accade, la discussione può scadere in demagogia se non si conosce bene l’argomento.

Rimarrete forse sorpresi nel sapere che questa pratica ha radici molto antiche e sopratutto che aveva, ed ha, un alto valore simbolico: c’è in gioco la stessa essenza della democrazia. Bisogna fare un salto indietro nel tempo a 2.500 anni, nell’antica Grecia,  patria della democrazia moderna. La data precisa non si conosce, ma Aristotele ci fa sapere che è stata introdotta da Pericle (V secolo A.C.)  per contrastare lo strapotere del suo rivale politico Cimone, che ricopriva di favori chi apparteneva al suo stesso rango sociale.

Ad Atene, capitale della democrazia, la politica si fa nella Boulè, un’assemblea popolare composta da semplici cittadini. Le decisioni sul bene pubblico vengono quindi prese non più da un gruppo ristretto di persone – un’oligarchia- ma da cittadini eletti.  

L’assemblea si riuniva più volte al mese, e questo impediva, a chi ne prendeva parte, di poter partecipare con regolarità al lavoro giornaliero. Pericle si rese quindi conto di come la Boulé fosse frequentata per lo più da benestanti, persone cioè che potevano tranquillamente vivere di rendita e presenziare alle riunioni dell’assemblea senza la preoccupazione di saltare uno o due pasti al giorno. Ma che evidentemente aveva a cuore questioni diverse da quelle della maggioranza dei cittadini. Per questa ragione decise di istituire per i membri dell’assemblea il misthòs, una paga giornaliera di tre oboli, sufficiente ad acquistare i pasti necessari per una giornata.

Questo provvedimento permise a tutti i cittadini ateniesi, a prescindere dalla loro estrazione sociale, di partecipare attivamente alla vita politica della città. Non un privilegio, quindi, ma una scelta necessaria, ricordiamocene sempre quando affrontiamo questi argomenti.

 

 

 

Vedi anche

Altri articoli